Varie - Mobili

Come eliminare i cattivi odori dai mobili

I mobili entrano in contatto con cose, oggetti o esseri, e finiscono per prendere in prestito i loro odori o quelli dello spazio in cui si trovano. Con il tempo gli odori si mescolano e a volte il risultato è piuttosto sgradevole. Ancora più sgradevole è se il mobile in questione cambia destinazione d'uso o proprietario. Per il nuovo uso o il nuovo proprietario, l'odore può essere così fastidioso da finire per essere abbandonato. Cosa fare per evitare di perdere un mobile ancora resistente? Ecco alcune idee.

odori nei mobili

Come i mobili possono acquisire odori sgradevoli

Gli odori sgradevoli dei mobili possono derivare da diverse cause: i materiali utilizzati per la fabbricazione, il modo in cui vengono utilizzati, il modo in cui vengono conservati, l'uso prolungato, l'utilizzo in uno spazio non ventilato, umido e maleodorante. Anche il tipo di finitura o la specie di legno contribuiscono alla fissazione degli odori. Le finiture a strato sottile e il legno a pori larghi ne facilitano la fissazione. Sebbene esistano materiali assorbenti che possono essere utilizzati con successo in molte situazioni, è difficile trovare un metodo universalmente valido che rinfreschi facilmente e semplicemente l'odore dei mobili.

L'odore persistente e forte dei mobili nuovi proviene da pannelli a base di legno utilizzati nella fabbricazione o dai materiali di incollaggio e/o finitura. Non tutti i mobili nuovi hanno un odore. Nella maggior parte dei casi l'odore è tanto più marcato e persistente quanto più il mobile è economico.

L'odore dei vecchi mobili deriva dall'utilizzo in ambienti umidi (odore di muffa), dagli animali domestici, dall'uso in luoghi in cui si è fumato spesso, dalla conservazione di oggetti con un odore specifico (scarpe) o dall'uso e dalla conservazione prolungata in spazi chiusi. L'odore penetra nei pori del legno o del tessuto della tappezzeria e permane anche se si utilizzano i comuni materiali di pulizia.

Eliminazione degli odori dai mobili nuovi

Se i mobili sono realizzati con pannelli truciolari o melaminici di scarsa qualità, l'odore che si sprigiona attraverso i bordi senza bordatura (cassetti, carrucole - dove è visibile la struttura interna del pannello truciolare) è molto persistente e persino pericoloso per le persone sensibili. L'odore è causato dalla formaldeide libera che fuoriesce dal pannello. Nel caso di pannelli truciolari di buona qualità, l'odore è quasi impercettibile e scompare in poche settimane. In caso di qualità scadente, l'odore è molto forte e può essere avvertito anche a distanza di anni (ad esempio, quando si apre un cassetto). Per evitare questa situazione, quando ordinate un mobile chiedete un truciolato con classe di emissione di formaldeide E1 o E0,5 e che tutti i bordi allentati degli elementi tagliati del pannello originale siano sigillati. Per saperne di più sulla formaldeide qui.

Anche i mobili nuovi possono emanare un odore di solvente. È dovuto agli adesivi o ai prodotti di finitura utilizzati. Fortunatamente, negli ultimi tempi, a causa dell'obbligo delle fabbriche di ridurre il consumo di composti organici volatili (COV)Negli ultimi anni i materiali a base di solventi organici sono stati utilizzati sempre meno, sostituiti da materiali a base d'acqua.

Purtroppo, in entrambi i casi, non si può fare molto per eliminare l'odore. L'unico metodo è messa in onda. Se possibile, portare i mobili all'esterno o su una terrazza per un po' di tempo. L'aerazione migliore è nei giorni di sole con bassa umidità e vento. Se non potete portare i mobili all'esterno, nelle prime settimane dopo l'acquisto tenete le finestre aperte il più possibile e rendete la stanza ventilata. In casa, l'emissione è favorita dall'aumento della temperatura e dell'umidità, quindi cercate di tenerle sotto controllo. È possibile utilizzare un umidificatore per mantenere l'umidità a un livello più basso.

odori provenienti dai mobili

Sostanze e tecniche che aiutano a eliminare gli odori

Per rimuovere gli odori dai mobili usati utilizzare assorbenti o che copre o neutralizza gli odori. Ma prima di tutto, non sottovalutare le proprietà acqua e sapone. Molti credono che i mobili non vadano bene e che possano danneggiarsi e che la vernice diventi bianca e coli se entra in contatto con l'acqua. Non è così! Non è necessario che l'acqua si bagni, ma se viene pulita con un panno imbevuto e strizzato bene, i mobili non corrono alcun rischio. Per sicurezza, passate poi un panno asciutto su tutte le superfici. Qualche goccia di oli essenziali. I risultati migliori si ottengono con gli oli di limone e menta, perché l'odore che rimane è molto fresco. Per saperne di più sulla pulizia dei mobili vecchi qui.

Bicarbonato di sodio (lievito in polvere) è un ottimo assorbente. Cospargetelo sui divani maleodoranti, lasciatelo per un po' di tempo e poi passate l'aspirapolvere. L'operazione può essere ripetuta più volte. Lo stesso bicarbonato può essere messo anche nei cassetti che puzzano. Mettetelo in una ciotola e lasciatelo per 1-2 settimane, dopodiché rinfrescatelo. Dopo 1-2 mesi l'odore scompare. Caffè - in grani, macinato o tritato, bricchette di carbone come tali o avvolte in carta di giornale (classica, non tagliata) sono utilizzati anche per assorbire gli odori sgradevoli da cassetti o armadi.

Soluzione di aceto e acqua, 1:8spruzzato sui mobili, elimina l'odore di muffa e tabacco. Ciotole con aceto di vino bianco, nei cassetti, elimina quello specifico odore di stantio. Soluzione di acqua e ammoniaca elimina l'odore di fumo. Spruzzare con candeggina per bucato disinfetta ed elimina gli odori di muffa e di stantio. Si può fare lo stesso anche con vodka. Utilizzate una variante molto economica (non dispiacetevi😉 ) perché sono importanti le sue capacità disinfettanti e deodoranti, che sono le stesse indipendentemente dal modo in cui si ottiene. Naturalmente si può usare l'alcol o lo spirito medicinale, ma lo spirito ha un odore forte e l'alcol è più costoso. Succo di limone aiuta a rimuovere l'odore di urina, umana o di animale domestico. Per mantenere un odore di fresco si può anche spruzzare un Soluzione 1:24 di olio d'oliva con acqua.

Tra i classici prodotti per la pulizia, i più efficaci sono quelli che eliminano gli odori degli animali domestici.

odori nei mobili

Soluzione finale

Se non riuscite a rinfrescare l'odore dei vostri mobili, l'ultima soluzione è il lavaggio, lucidatura e ceruirea parti in legno. La levigatura aiuta a rimuovere lo strato superficiale, impregnato di odori sgradevoli. La cera trattiene gli odori residui, conferisce un aspetto gradevole e un odore fresco. Usare la normale cera per mobili o la cera d'api mescolata con olio di lino. Scaldare un po' la cera prima dell'applicazione e mescolarla con qualche goccia di olio essenziale di limone o di limone e/o menta piperita. Dopo l'applicazione, lasciare qualche ora affinché la cera penetri nel legno e si indurisca, quindi lucidare con un panno di cotone morbido. Il mobile rimarrà con un piacevole ciuffo e l'odore sarà fresco.

Spero che le informazioni siano utili e che vi aiutino a conservare o riutilizzare vecchi mobili. Se conoscete altri modi per eliminare gli odori dai vecchi mobili, condivideteli con noi. Sono sicuro che molti vi ringrazieranno.

odori nei mobili

Mihaela Radu

Mihaela Radu è un ingegnere chimico ma ha una passione per il legno. Lavora nel settore da più di 20 anni e la finitura del legno è ciò che l'ha definita in questo periodo. Ha acquisito esperienza lavorando in un istituto di ricerca, nella propria azienda e in una multinazionale. Vuole condividere continuamente la sua esperienza con chi ha la stessa passione, e non solo.

1 commento

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItaliano