Forester - Legislazione

EUDR: il nuovo scudo dell'Europa contro la deforestazione globale

L'Unione Europea ha compiuto un passo importante nella lotta alla deforestazione globale con l'adozione del Regolamento UE sulla deforestazione (EUDR). Questa ambiziosa normativa mira a ridurre l'impatto del consumo europeo sulle foreste globali imponendo nuovi obblighi alle aziende che vendono determinati prodotti sul mercato dell'UE.

Che cos'è l'EUDR e quali sono i suoi obiettivi?

Ma cos'è l'EUDR? È un guardiano delle foreste del mondo, che sta alle porte dell'Europa. Questo guardiano ha una missione chiara: assicurarsi che i prodotti che entrano in Europa non abbiano contribuito alla distruzione delle foreste mondiali. Che si tratti di una tazza di caffè, di un pezzo di cioccolato o di un mobile, l'EUDR vuole conoscere la storia di ogni prodotto.

In sostanza, l'EUDR è un regolamento adottato nel 2023 che stabilisce regole severe per l'importazione e la commercializzazione nell'UE di alcuni prodotti associati al rischio di deforestazione, quali:

  • Manzo
  • Cacao
  • Caffè
  • Olio di palma
  • Gomma
  • Soia
  • Legno e prodotti in legno

Gli obiettivi principali dell'EUDR sono:

  1. Ridurre al minimo il contributo dell'UE alla deforestazione e al degrado forestale a livello mondiale
  2. Riduzione delle emissioni di gas serra associate
  3. Affrontare la perdita di biodiversità

Come funziona l'EUDR?

Il regolamento introduce un sistema di "due diligence" per le aziende che immettono prodotti mirati sul mercato dell'UE. Le aziende devono diventare una sorta di detective. Ogni prodotto deve essere accompagnato da una storia completa: da dove proviene, quale percorso ha seguito e, soprattutto, se ha causato la distruzione di foreste lungo il cammino. È come se ogni prodotto avesse un passaporto verde, che deve essere controllato prima di entrare in Europa.

In particolare, le aziende devono:

  1. Raccogliere informazioni sull'origine dei prodotti, comprese le coordinate GPS dei siti di produzione.
  2. Valutare il rischio di prodotti provenienti da aree deforestate
  3. Adottare misure per mitigare i rischi identificati
  4. Presentare una dichiarazione di due diligence prima di immettere i prodotti sul mercato

I prodotti possono essere commercializzati nell'UE solo se sono "esenti da deforestazione", cioè prodotti su terreni che non sono stati deforestati dopo il 31 dicembre 2020.

Le autorità degli Stati membri effettueranno controlli per verificare la conformità. Sono previste sanzioni in caso di non conformità, tra cui ammende fino a 4% del fatturato annuo dell'UE.

Fasi di attuazione e scadenze

L'attuazione dell'EUDR non è un evento unico, ma un viaggio in più fasi. Immaginate una mappa con un percorso segnato, dove ogni punto rappresenta una tappa cruciale di questa ambiziosa iniziativa. Mentre l'Europa si prepara a intraprendere questo viaggio, le aziende, i governi e le comunità di tutto il mondo stanno facendo le valigie per un viaggio che promette di trasformare il panorama del commercio globale. Ogni tappa di questo viaggio comporta nuove sfide, ma anche opportunità di innovazione e collaborazione:

  • Giugno 2023: entrata in vigore del regolamento
  • Dicembre 2024: obblighi di esecuzione per la maggior parte delle aziende
  • Giugno 2025: proroga della scadenza per le micro e piccole imprese
  • Giugno 2028: implementazione di un'interfaccia elettronica per lo scambio di dati tra le autorità.

Implicazioni e sfide

L'EUDR rappresenta un cambiamento epocale per i produttori e le catene di approvvigionamento globali. Immaginate un agricoltore in un angolo remoto del mondo che coltiva cacao da generazioni. Ora, improvvisamente, gli viene chiesto di fornire informazioni dettagliate sulla sua terra, utilizzando tecnologie che forse non ha mai visto. Oppure pensate a un'azienda che deve rintracciare l'origine di ogni chicco di caffè della sua miscela. È come dover trovare un ago in un pagliaio, solo che l'ago è un albero specifico in una vasta foresta.

Le implicazioni e le sfide previste includono:

  1. Costi aggiuntivi per le aziende legati alla tracciabilità e alla due diligence
  2. Possibile riconfigurazione delle catene di approvvigionamento per evitare le aree ad alto rischio
  3. Impatto sui paesi produttori, in particolare sui paesi in via di sviluppo
  4. La necessità di sviluppare schemi di monitoraggio e certificazione
  5. Potenziali effetti sui prezzi per i consumatori europei
  6. Sfide nella verifica dell'origine dei prodotti e nell'applicazione del regolamento

Perché gli Stati Uniti e la Cina sono riluttanti?

Mentre l'Europa costruisce questa nuova fortezza verde, non tutti sono entusiasti. Grandi potenze come gli Stati Uniti e la Cina osservano con preoccupazione. Per loro, l'EUDR è come un nuovo giocatore che cambia le regole nel bel mezzo del gioco. In qualità di grandi produttori ed esportatori di prodotti dell'UEDR, gli Stati Uniti e la Cina hanno espresso preoccupazione per l'impatto economico dell'UEDR. Le principali ragioni della loro riluttanza sono:

  1. Costi aggiuntivi per l'adeguamento ai nuovi requisiti
  2. Rischio di perdere l'accesso al mercato UE per alcuni prodotti
  3. La necessità di ristrutturare rapidamente le catene di approvvigionamento
  4. Preoccupazioni sulla compatibilità dell'EUDR con le regole del commercio internazionale

Secondo fonti diplomatiche citate da Reuters, gli Stati Uniti e la Cina hanno chiesto all'UE di rinviare l'attuazione dell'EUDR in colloqui bilaterali già nel 2022. Inoltre, secondo un articolo del Financial Times, questi Paesi hanno sollevato obiezioni all'EUDR presso l'Organizzazione mondiale del commercio, sostenendo che il regolamento potrebbe violare le regole del commercio globale. Gli Stati Uniti avrebbero addirittura chiesto formalmente alla Commissione europea, nel giugno 2024, di rinviare l'attuazione dell'EUDR, secondo Reuters.

Analisi e domande aperte

Mentre l'EUDR inizia la sua missione, il mondo intero lo osserva. Alcuni lo vedono come un eroe coraggioso, altri come un ribelle che sconvolge l'ordine costituito. Qualunque sia la prospettiva, una cosa è chiara: L'EUDR ha aperto una nuova frontiera nella lotta per un futuro più verde.

Ciò che è certo è che l'EUDR rappresenta un approccio ambizioso e senza precedenti dell'UE per affrontare la deforestazione globale. Sebbene le intenzioni siano lodevoli, l'attuazione solleva una serie di domande e sfide:

  1. Efficacia dell'attuazione dell'EUDR nel contesto di complesse catene di fornitura globali:

Le moderne catene di approvvigionamento sono estremamente complesse e spesso coinvolgono decine o addirittura centinaia di fornitori in diversi Paesi. L'attuazione efficace dell'EUDR richiede la tracciabilità dell'origine dei prodotti fino al livello del pacco, una sfida logistica e tecnologica non indifferente.

Domande chiave:

  • Come potranno le aziende ottenere e verificare informazioni accurate sull'origine nelle catene di fornitura multilivello?
  • Quali tecnologie (ad esempio, blockchain, immagini satellitari) possono essere utilizzate per garantire la tracciabilità e quali sono i loro limiti?
  • Come si assicura l'integrità dei dati e si previene la falsificazione delle informazioni lungo la catena di fornitura?
  1. L'impatto reale sui tassi di deforestazione globale:

Sebbene l'UE sia un attore importante nel mercato globale, rappresenta solo una frazione del consumo mondiale. C'è il rischio che l'EUDR possa portare alla deviazione dei prodotti legati alla deforestazione verso mercati meno regolamentati, senza ridurre in modo significativo il tasso di deforestazione complessivo.

Cose da analizzare:

  • Qual è la quota dell'UE nel consumo globale dei prodotti in questione e qual è il probabile impatto di questa misura?
  • Esistono meccanismi per monitorare la potenziale "fuga" di prodotti problematici verso altri mercati?
  • Come può l'UE incoraggiare l'adozione di standard simili da parte di altre grandi economie per massimizzare l'impatto globale?
  1. Impatto sui piccoli produttori e sulle comunità vulnerabili:

L'attuazione dell'EUDR potrebbe avere conseguenze indesiderate per i piccoli produttori e le comunità dei Paesi in via di sviluppo, che potrebbero essere esclusi dalle catene di approvvigionamento a causa dei costi e della complessità della conformità.

Domande da esplorare:

  • Quali misure di sostegno concrete sono previste per i piccoli produttori?
  • Come si può garantire che l'EUDR non aggravi le disuguaglianze esistenti nelle catene di approvvigionamento globali?
  • C'è il rischio che l'EUDR possa favorire la concentrazione della produzione nelle mani delle grandi aziende a scapito dei piccoli agricoltori?
  1. Compatibilità con le regole del commercio internazionale:

L'EUDR impone requisiti significativi per l'accesso al mercato dell'UE, che potrebbero essere interpretati come una barriera non tariffaria al commercio internazionale.

Questioni legali e diplomatiche da considerare:

  • In che modo l'EUDR si allinea ai principi dell'Organizzazione Mondiale del Commercio?
  • Esistono precedenti di misure di questo tipo basate sull'ambiente nel commercio internazionale?
  • Come gestirà l'UE le potenziali controversie commerciali e le accuse di protezionismo?
  1. Impatto sulla competitività e potenziale di adozione a livello globale:

L'attuazione dell'EUDR potrebbe creare svantaggi competitivi a breve termine per le aziende europee, ma potrebbe anche stimolare l'innovazione e stabilire nuovi standard globali.

Punti da analizzare:

  • In che modo l'EUDR influirà sulla competitività delle imprese europee nel mercato globale?
  • Esiste la possibilità che l'EUDR diventi un modello per una regolamentazione simile in altre giurisdizioni?
  • Quali strategie può adottare l'UE per incoraggiare altre grandi economie a seguire il suo esempio?
  1. Bilanciare la protezione dell'ambiente e l'accessibilità dei prodotti:

L'EUDR potrebbe comportare un aumento dei costi di alcuni prodotti, sollevando interrogativi sull'impatto sui consumatori e sulle potenziali conseguenze sociali.

Cose da considerare:

  • In che modo l'EUDR influenzerà i prezzi dei prodotti interessati sul mercato europeo?
  • C'è il rischio che alcuni prodotti diventino inaccessibili a determinate categorie di consumatori?
  • Quali misure possono essere adottate per mitigare i potenziali effetti negativi sui consumatori?
  1. Adattare la scadenza del 31 dicembre 2020:

La scelta di questa data solleva interrogativi sull'equilibrio tra l'ambizione di combattere la deforestazione e le realtà pratiche di attuazione.

Spunti di riflessione:

  • Questa data è abbastanza ambiziosa da portare al cambiamento desiderato?
  • Come influisce questa data sugli operatori economici che hanno effettuato investimenti recenti?
  • Si dovrebbe prendere in considerazione un approccio graduale o differenziato per regione o per tipo di prodotto?

In conclusione, l'EUDR segna un momento importante negli sforzi globali per combattere la deforestazione, ma il suo successo dipenderà dall'effettiva attuazione e dalla capacità di generare un movimento internazionale più ampio. Resta da vedere se questa ambiziosa iniziativa riuscirà a trovare il giusto equilibrio tra protezione ambientale, sviluppo economico e commercio internazionale.

La prossima volta che gusterete una tazza di caffè o un pezzo di cioccolato, ricordate che dietro a questi semplici piaceri c'è una storia complessa che riguarda le foreste, le persone e un'Europa determinata a fare la differenza.

Tag

Dan

Ho avuto la possibilità di lavorare in diversi reparti. Ho così acquisito esperienza in Finanza, Contabilità, Logistica, Vendite, Operazioni, Marketing. Sono un giocatore di squadra e un giocatore a tutto tondo. Sono un imprenditore, ho coordinato la vendita di un'azienda di vernici e pitture per legno a una multinazionale. Nel 2016 ho scoperto il mondo digitale, l'editoria e il marketing online. Da allora ho trasferito online l'esperienza e le competenze accumulate.

Aggiungi commento

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItaliano