Arte e Artigianato - Finitura fai da te - Tecniche di finitura

Come dipingere o verniciare oggetti in legno a casa - consigli per i principianti

Dal numero di domande ricevute durante questo periodo di isolamento, è evidente che molti hanno scoperto nuovi hobby. A un certo punto una signora mi ha chiesto un link a un articolo che descrivesse passo dopo passo, per un principiante, le fasi di finitura di un oggetto in legno. Così ho scoperto che non esisteva un articolo del genere. Ci sono tutti i tipi di consigli e suggerimenti sulla finitura, difetti che possono verificarsi e come risolverlima niente di raccolto in un unico posto come una scheda tecnica o una descrizione di un processo tecnologico. Ho promesso che avrei sistemato questo aspetto, quindi mi affretto a farlo subito.

Consigli di tintura e colorazione per i principianti

1. Materiali necessari

Prima di tutto è necessario prepararsi con i materiali necessari. Oltre alle vernici e ai colori che utilizzerete, avrete bisogno di un mezzo di applicazione e di alcuni materiali ausiliari. Ecco quelli che ritengo necessari:

  • Stracci di cotone privi di lanugine. Per esperienza posso dirvi che le migliori per queste operazioni sono le camicie di cotone di buona qualità che avete ritirato. Quelle bianche sono l'ideale, ma si possono usare anche quelle colorate se si sa che il colore non verrà via. Vi serviranno per sverniciare, pulire le macchie, pulire le mani e pulire le spazzole;
  • Carta abrasiva/spugne. Sono necessarie sia per la carteggiatura del legno che tra una mano e l'altra di fondo/lacca. Per la carteggiatura del legno, la carta deve essere di grana 150 o 180 e le spugne di grana media. Per la carteggiatura tra una mano e l'altra utilizzare carta abrasiva di grana 280 o 320 o spugne di grana fine. Per le superfici lucide (che sconsiglio perché sono difficili da ottenere anche per un esperto) la grana deve essere min.400. Gli abrasivi possono essere utilizzati anche per effetti speciali quali afflitto.
  • Aste di legno per mescolare la vernice, un coltello a lama corta, un coltellino per aprire i barattoli.
  • Rotoli di carta adesivaper delimitare le parti che non si vogliono verniciare. Si possono trovare in qualsiasi negozio di bricolage e sono molto facili da usare.
  • Vaschetta per contenere i pennelli in acqua o solvente. Dopo aver terminato l'applicazione della vernice, per evitare che si indurisca e poterla riutilizzare, lavare i pennelli con acqua o diluente, a seconda della natura dei colori utilizzati. Quando non vengono utilizzati, conservare i pennelli in una bacinella con acqua/diluente.
  • Guanti di protezione. Indossare i guanti anche quando si usano prodotti a base d'acqua. I prodotti a base d'acqua non sono sempre ecologici. E comunque, dopo l'indurimento, qualsiasi vernice o pittura è difficile da rimuovere.

Per l'applicazione utilizzare spazzole, spugne o mop. Non comprate spazzole economiche, perderete più tempo a raccogliere i peli caduti o a riparare i difetti. Acquistate un set di pennelli di diverse dimensioni. Negli angoli o su disegni diversi è più facile dipingere con pennelli stretti e sottili, mentre le superfici piatte e ampie si dipingono meglio e più velocemente con pennelli grandi. Il trafalto dovrebbe avere una spugna dura perché assorbe meno aria e la superficie risultante sarà più bella, più piacevole al tatto. Assicurarsi che la spugna sia resistente al diluente. Le spugne normali si espandono a contatto con il diluente.

Acquistate le vernici giuste. Se state rifinendo qualcosa che rimarrà all'esterno, acquistate prodotti specifici per l'esterno. Per i progetti fai-da-te si consigliano prodotti a base d'acqua. In questo modo si elimina l'odore di diluente in casa. Recatevi nei negozi specializzati, dite a cosa vi serve il materiale e chiedete quante più informazioni possibili.

Consigli per la pittura e la verniciatura per i principianti

2. Farete un pasticcio, quindi preparate il vostro spazio di lavoro in anticipo.

È necessario disporre di un luogo dove poter lavorare senza essere disturbati e senza temere di sporcarsi. Alcuni consigli per questo luogo:

  • Scegliere il posto all'interno. Se possibile, trovare un posto all'interno. Con le vernici a base d'acqua questo è possibile. In questo modo si elimina la poltiglia e la polvere che si attaccano alla superficie verniciata durante l'asciugatura.
  • Scegliere un luogo il più luminoso possibile. La luce naturale è l'ideale, ma se le finestre non sono abbastanza grandi, una lampada può fornire la luce necessaria.
  • Assicurarsi che il luogo sia ventilato (si creano correnti d'aria). La ventilazione è molto importante per l'essiccazione delle vernici, soprattutto quelle a base d'acqua.
  • Proteggere il pavimento. Non si sa mai quando può accadere un incidente, quindi è meglio usare fogli protettivi (disponibili nei negozi di bricolage).

Consigli per la pittura e la verniciatura per i principianti

3. Carteggiare sempre il supporto in legno prima della verniciatura

Levigatura del supporto in legno è molto importante per ottenere un prodotto di qualità. Viene eseguita sia per il legno massiccio che per il compensato, l'impiallacciatura o l'MDF fresato. Come già detto, in questa fase la levigatura si effettua con carta vetrata di grana 150 o 180 o con spugne mediamente abrasive. Una grana inferiore lascia la superficie ruvida e sgradevole al tatto, mentre una grana troppo fine riempie i pori di polvere di legno, riducendo l'adesione.

Insistere sulla levigatura in questa fase. Quanto meglio si carteggia, tanto migliore sarà l'aspetto finale della superficie. Dopo la carteggiatura, irruvidire con un panno di cotone e controllare la levigatezza della superficie con il palmo della mano. Se si percepisce una superficie liscia e uniforme che non si graffia, si può passare alla fase successiva.

Consigli per la verniciatura e la pittura per i principianti

4. Colorazione

Se si intende utilizzare una vernice trasparente e non si vuole che il legno mantenga il suo colore naturale, utilizzare per colorazione mordenti (soluzioni coloranti) per dare al legno il colore desiderato. Trovate i classici colori per il legno nei negozi - noce, quercia, mahon, pin, carri - ma anche colori comuni - rosso, giallo, nero, marrone - che si possono mescolare in proporzioni diverse per ottenere il colore desiderato.

Non usare un colore concentrato fin dall'inizio. È meglio applicare diverse mani per ottenere il colore giusto piuttosto che dover aprire il colore risultante, cosa molto difficile da fare.

I bagni possono essere a base d'acqua o a solvente. I mordenti a base di solvente si asciugano più rapidamente, colorano in modo più uniforme ma più opaco e sollevano meno le venature del legno. I mordenti a base d'acqua si asciugano più lentamente, possono colorare il legno, impregnarsi in profondità, evidenziando il disegno del legno, dare colori più brillanti e sollevare maggiormente le venature del legno. Qualunque sia la sua natura, lasciate che si asciughi completamente prima di applicare una mano di vernice o di fondo.

Per evitare di macchiarsi, il mordente può essere aggiunto alla prima mano di vernice/primer. La colorazione è più uniforme, ma il disegno naturale del legno è meno enfatizzato.

4. Applicazione della prima mano di vernice o di primer

Il primer per legno non è quello che si usa per il metallo. Non si applica per prevenire la ruggine, ma per aumentare l'adesione e la quantità di materiale che forma la pellicola. Esistono sistemi di finitura che consigliano l'applicazione di un fondo e di una vernice, oppure altri che utilizzano un unico prodotto, vernice o pittura, che viene applicato in mani successive. Sono progettati per garantire un'adesione sufficientemente buona. I primer non hanno proprietà superficiali, cioè non hanno la resistenza ai graffi o agli urti e non hanno la stessa tinta o aspetto gradevole delle vernici o delle pitture. Per questo motivo devono sempre essere ricoperti con una mano finale di vernice.

Applicare 1-2 mani di primer prima della vernice. Assottigliarlo in modo che si stenda bene con un pennello o una spatola. Se si utilizza lo stesso prodotto (mani successive di vernice/vernice), il primer viene sostituito dalla vernice/vernice. Lasciare il tempo di asciugatura consigliato prima di carteggiare. È preferibile lasciarlo agire per tutta la notte.

Consigli per la verniciatura e la pittura per i principianti

5. Carteggiatura tra le mani

Levigatura tra gli strati è necessario rimuovere le fibre sollevate dalla colorazione o dalla mano di fondo, la polvere intrappolata nel film o le protuberanze del film che si verificano durante l'applicazione. La pellicola deve essere completamente asciutta quando si carteggia. Utilizzare carta vetrata con grana 280 o 320 o spugne abrasive fini. Quanto migliore è la carteggiatura, tanto più fine sarà la superficie finale. Infine, carteggiare con un panno di cotone.

6. Applicazione dello strato finale di vernice o pittura

Infine, applicare la vernice o lo strato di vernice. Se a questo punto avete scoperto che il pennello non è quello giusto, cambiatelo. Non si vuole una superficie irregolare e pelosa a causa del pennello. Diluite la vernice secondo le indicazioni riportate sulla confezione, in modo da evitare che si sporchi o che si formino striature. Applicare con molta attenzione perché si tratta della mano finale. È possibile correggere eventuali errori semplicemente lucidando, ma è difficile per un principiante e si possono ottenere superfici più lucide di quelle desiderate.

Raccomandazioni
  • Rimuovere ogni volta la polvere strofinando con un panno. La polvere diminuisce l'adesione e rovina l'aspetto della pellicola;
  • Non agitare mai il panno per spolverare vicino alla pellicola bagnata o nell'area in cui si sta per verniciare. La polvere è il peggior nemico della vernice o della pellicola pittorica;
  • Colorare solo se si intende applicare la vernice. Sono trasparenti e si possono vedere il colore e il disegno del legno. La vernice è opaca e la colorazione diventa superflua. Questo può essere fatto solo nell'effetto distressed, quando una carteggiatura parziale permette di raggiungere lo strato inferiore;
  • Non forzare l'asciugatura. La pellicola potrebbe rimanere morbida all'interno. Con le vernici a base d'acqua può succedere che l'acqua rimanga nella pellicola e dia un aspetto opalescente. Con il tempo si attenuerà, ma per un po' non avrà un bell'aspetto;
  • Non collocare gli oggetti bagnati in presenza di forti correnti d'aria. La pellicola si disfa e forma delle "onde";
  • Non applicare strati spessi. Meglio 2-3 mani sottili che una spessa. Gli strati spessi provocano tensioni nel film, che con il tempo possono creparsi;
  • Le pitture gessose, del tipo Annie Sloan, devono essere coperte con cera o vernice. Altrimenti non fanno presa e non resistono all'umidità e ai graffi.

Prometto di completare questa guida se scopro che mi è sfuggito qualcosa. Può anche essere completata con le vostre domande. Lasciatele qui sotto nell'apposito spazio e prometto di rispondere a ciascuna di esse.

Consigli per la verniciatura e la pittura per i principianti
Distrutto

Mihaela Radu

Mihaela Radu è un ingegnere chimico ma ha una passione per il legno. Lavora nel settore da più di 20 anni e la finitura del legno è ciò che l'ha definita in questo periodo. Ha acquisito esperienza lavorando in un istituto di ricerca, nella propria azienda e in una multinazionale. Vuole condividere continuamente la sua esperienza con chi ha la stessa passione, e non solo.

20 commenti

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ciao,
    Se la superficie è stata oliata (si tratta di un piano in rovere laminato) può essere verniciata? In caso affermativo, si tratta degli stessi passaggi o di un processo diverso?
    Grazie

    • Ciao!
      L'olio è la mano finale, la superficie può essere lasciata così com'è, non c'è bisogno di verniciarla. Tuttavia, se si desidera verniciare, è possibile utilizzare solo vernici a base di acqua ragia (petrosina, gas), trementina o vernici alchidiche. Non è possibile utilizzare vernici a base di acqua o di solventi organici (nitrocellulosa, poliuretano, ecc.). Tali vernici sono resistenti anche all'esterno.
      Prima dell'applicazione, carteggiare la superficie (come se il legno non fosse levigato) per aumentare l'adesione della vernice. Se il legno è saturo di olio, assorbirà pochissimo la vernice e avrà una scarsa adesione. La carteggiatura aumenterà l'assorbimento e quindi l'adesione. Applicare 2 mani sottili, carteggiando tra una e l'altra (per ottenere una superficie piacevole al tatto).
      Il piano di lavoro oliato può anche essere rivestito di cera. Applicare un sottile strato di cera per mobili con un panno, quindi lucidare con un panno di cotone morbido. La superficie acquisterà una piacevole lucentezza setosa. Tuttavia, si macchia se esposta ad acqua calda e sorgenti calde (tazza di caffè bollente), all'alcol e non è resistente all'esterno.
      Tutto il meglio!

  • Salve, nonostante abbia carteggiato il legno delle sedie, poi le abbia pulite con il diluente, su una di esse, il colore migra, più precisamente la vernice bianca (a base d'acqua) diventa giallastra. ho carteggiato leggermente e il primo strato di vernice, cosa ho sbagliato?

    • Buona sera!
      Non sembra aver fatto nulla di sbagliato. Il colore potrebbe essere dovuto al bagno nei pori del legno (se si tratta di una sedia riverniciata) o ai tannini presenti nel legno. L'acqua della vernice li ha sciolti e li ha fatti migrare in superficie. In questi casi si utilizzano gli isolanti. Si tratta di prodotti trasparenti, sottili e indurenti che penetrano in profondità nel legno e bloccano i tannini e qualsiasi altra cosa vi sia all'interno.
      Penso che l'isolamento sia stato completato con la prima mano di vernice. La seconda mano dovrebbe essere ancora ingiallita.
      Tutto il meglio!

  • Buonasera. Ho intenzione di verniciare una scrivania in legno chiaro. Pensavo alla vernice all'acqua oskar, ma ho paura che il piano di lavoro si graffi nel tempo. Cosa potrei usare per avere una maggiore resistenza? Ho letto della vernice incolore. Funziona sopra la vernice bianca? Grazie per la risposta! Bella serata!

    • Ciao!
      Prima di tutto è necessario assicurarsi che la vernice aderisca al truciolato melaminico. Per quanto ne so, Oskar ha una vernice di questo tipo.
      La vernice può essere applicata sopra la pittura, ma è importante che i prodotti siano compatibili con la vernice dura. Non tutte le vernici sono dure. È possibile che la vernice sia ancora più dura. La vernice per pavimenti ha un'ottima durezza. Esistono lacche per pavimenti a base d'acqua con un'ottima durezza. È necessario carteggiare leggermente la superficie verniciata per garantire l'adesione tra le due mani.
      È bene sapere che la vernice cambierà facilmente il colore della pittura a causa della sua tonalità gialla.
      Prima di verniciare è bene verificare la durezza della vernice utilizzata e la sua destinazione d'uso. Se è consigliata per i mobili e non sono necessari altri rivestimenti protettivi, la vernice non deve essere verniciata.
      Tutto il meglio!

  • Salve,
    Ho un piano cucina laccato ma l'artigiano ha lasciato un mucchio di imperfezioni (buchi).
    La mia domanda è: come posso coprire tutte queste irregolarità?
    Sto pensando di dare una mano di resina epossidica ma non so se è giusto
    Forse l'artigiano non ha sigillato i pori del piano di lavoro prima di applicare la vernice (a proposito, con quale prodotto si sigillano i pori del legno).

    • Ciao!
      Esistono stucchi per ritocchi, in diversi colori, con i quali è possibile riparare le superfici difettose.
      Se la lacca con cui è stato realizzato il piano di lavoro non è indurita, la resina potrebbe intaccarla. Per ottenere l'adesione, la vernice deve essere carteggiata. In genere la vernice viene applicata sopra la resina, ma si può verificare la compatibilità tra vernice e resina in una zona nascosta. Se non succede nulla, si può versare la resina. Carteggiare prima per ottenere l'adesione tra una mano e l'altra.
      I pori vengono chiusi con un fondo riempitivo o con l'applicazione di più mani successive e sottili di vernice. Sui legni con pori grandi (noce, rovere, frassino), la superficie deve essere controllata 1-2 settimane dopo la finitura. Durante questo periodo la vernice "cade" nei pori e questi tornano visibili. Utilizzando una vernice indurente (poliuretanica, diluibile all'acqua con indurente) si può evitare questo fenomeno.
      Tutto il meglio!

    • Ciao!
      È possibile utilizzare tinte per legno ordinarie, semplici (contenenti solo solvente e solvente, senza resine aggiunte), a base d'acqua e a base di solventi organici. È importante che il legno sia ben asciutto quando si applica la vernice. Utilizzate una vernice speciale per il parquet, altrimenti i gradini si graffiano facilmente.
      Se si monta la scala interna, consiglio di utilizzare prodotti a base d'acqua. Esistono anche vernici per parquet molto dure, a base d'acqua. In questo modo si eliminano gli odori sgradevoli.
      Tutto il meglio!

  • Ciao!
    Ho una preoccupazione.
    Voglio verniciare un mobile in rovere già laccato. So che il mobile deve essere pulito, carteggiato, spolverato e poi sgrassato, dopodiché posso applicare la mano di vernice (pensavo di usare Oskar all'acqua). La mia domanda è: come posso pulire il mobile se si sporca? Dovrei passare la cera per poterlo fare?
    Devo dire che voglio che i mobili abbiano un aspetto opaco.
    Grazie!

    • Ciao!
      Una volta che la vernice a base d'acqua si asciuga e si indurisce, non è più idrosolubile, quindi si può pulire come qualsiasi altro mobile.
      Per prepararlo alla tintura bisogna prima sgrassarlo lavandolo con un panno inumidito con acqua e detersivo per piatti. Dopo averla passata con un panno pulito e averla lasciata in ammollo, è necessario carteggiarla con carta abrasiva di grana 280 o 320 o con una spugna fine. La carteggiatura deve essere eseguita non più di qualche ora prima della verniciatura (3-4 ore) per far aderire la vernice.
      Per avere mobili opachi è necessario acquistare una vernice opaca.
      La vernice normale, come quella di Oskar, non ha bisogno di essere incerata. Esistono diversi tipi di vernice a base d'acqua. Solo quella gessosa deve essere fissata con cera o vernice perché altrimenti non ha resistenza. La vernice Oskar può anche essere incerata, ma solo se lo si desidera. La cera conferisce una maggiore protezione.
      Tutto il meglio!
      https://revistadinlemn.ro/2020/10/29/ce-trebuie-sa-stii-daca-vrei-sa-revopsesti-mobila-sau-usile-de-lemn/

  • Salve,
    Ho una scala nuova che è già stata installata nella mia nuova casa. Costruttore
    non poteva più aspettare. I gradini sono stati acquistati già pronti e sono di faggio. Ho bisogno di tingerli in una tonalità cappuccino (anche se viene più scura, ma deve essere nella tonalità) perché è così che sono le piastrelle del pavimento del soggiorno; ho provato circa 6 tipi di vernici, bagni, lacche, ma quasi tutti diventano rosa o rossastri perché il faggio è così. Ciò che non è rosa è qualcos'altro, ma non riesco comunque a ottenere la tonalità che desidero.
    Contro i gradini voglio renderli bianchi.
    Ho bisogno di aiuto.
    Grazie!

    • Buona sera!
      Il colore rossastro del faggio influenzerà il colore della bacca. È praticamente impossibile che il rosso del faggio non si rifletta nel colore del legno.
      Le uniche soluzioni sarebbero quelle di sbiancare i gradini e poi tingerli del colore desiderato, oppure di tingere con una vernice cappuccino più diluita in modo da ottenere un legno semicoprente.
      La prima soluzione è comune nelle fabbriche che lavorano il faggio, ma non è molto semplice e bisogna rivolgersi a uno specialista. Le varianti di sbiancatura sono riportate nel link sottostante. Nel caso della seconda soluzione, non è complicato, ma la finitura non sarà trasparente come una bacca verniciata. Se non vi dispiace che il legno sia meno visibile, questa è la soluzione più semplice.
      Buona fortuna!
      https://revistadinlemn.ro/2016/11/04/lemn-cu-pete-sau-prea-inchis-la-culoare-se-rezolva/

  • Salve,

    Ho letto il vostro articolo e se si usano vernici all'acqua si dice che sollevano maggiormente le venature del legno.
    Può dirmi qualcosa di più al riguardo?

    Grazie!

    • Ciao!
      Il legno ama l'acqua e quando la trova la assorbe. Quando assorbe l'acqua, la venatura tagliata del legno, cioè quella che risulta dopo che il legno è stato trasformato in assi, travi, impiallacciature o altri elementi, si gonfia e la sua parte terminale si alza. Le vernici a base d'acqua contengono acqua nella loro composizione che, come ho detto, viene assorbita dal legno. Dopo che la vernice si asciuga e si indurisce sulla venatura in rilievo del legno, la venatura in rilievo rimane dura e la superficie diventa ruvida al tatto. Per renderla nuovamente liscia si carteggia tra una mano e l'altra. Per questa operazione si utilizzano spugne abrasive fini o carta abrasiva con grana superiore a 240, sotto le estremità di fibre indurite, e la superficie diventa di nuovo liscia. La carteggiatura è leggera, superficiale, solo per eliminare queste asperità. Il fenomeno si verifica quando si applica la prima mano di vernice perché dopo, almeno in teoria, la vernice non viene più a contatto con il legno.
      Senza questa levigatura, è difficile ottenere una superficie liscia e piacevole al tatto.
      L'assorbimento avviene anche nei prodotti a base di solventi, ma in misura molto minore.
      Di seguito ho inserito un link ad altri articoli che potrebbero essere utili.
      Tutto il meglio!
      https://revistadinlemn.ro/2021/07/01/am-aplicat-3-straturi-de-lac-dar-suprafata-continua-sa-fie-aspra-cum-sa-fac-ca-nu-mai-zgarie-sa-fie-fina/
      https://revistadinlemn.ro/2017/01/16/ce-este-si-de-ce-este-importanta-slefuirea-intre-straturi/

  • Salve. Ho appena iniziato e vorrei sapere quali sono i passaggi esatti per la finitura. Con cosa inizio e con cosa finisco e qui intendo primer, esca e vernice....
    Dopo aver carteggiato il legno con il foglio abrasivo, applico la prima volta per ottenere la brillantezza finale. Faccio presente che non voglio la lucentezza del vetro. Qualcosa di più rustico. Ma dall'aspetto piacevole ed elegante. È possibile applicare solo il bagno e dopo la vernice.
    Fondo di piegatura e dopo la laccatura....
    O addirittura tutti...
    Voglio capire le fasi esatte della finitura.
    Grazie in anticipo!

    • Buona sera!
      Dopo la carteggiatura, applicare lo stucco, poi il fondo e infine la vernice. Carteggiare il legno lungo le venature con carta vetrata di grana 120, 150 o 180. Per la carteggiatura del fondo si utilizza carta più fine (oltre 240). Dopo la carteggiatura, la superficie viene irruvidita strofinando o soffiando con l'aria.
      È possibile applicare un bagno a base d'acqua o a base di solventi. La vernice a base d'acqua penetra meglio nel legno e mette in risalto il disegno. Tuttavia, solleva maggiormente la venatura e asciuga più lentamente. L'innalzamento della venatura comporta un maggiore impegno nella carteggiatura del fondo per ottenere una superficie liscia. Il colorante per legno a base di solventi penetra meno nel legno, solleva meno le venature e asciuga più rapidamente. Il colore è più uniforme ma più opaco. Il colorante per legno deve essere completamente asciutto prima di applicare il fondo.
      Il fondo assicura la planarità della superficie e una buona adesione al legno. Applicare 1-2 mani, lasciare asciugare e poi carteggiare. Per la carteggiatura utilizzare carta abrasiva con grana min.240. Se si vuole applicare una vernice lucida, la carta abrasiva deve avere una grana min.400.
      La vernice viene applicata alla fine, dopo aver carteggiato e irruvidito la superficie levigata. È la vernice che conferisce alla superficie un aspetto gradevole, lucentezza e resistenza ai graffi, all'abrasione, all'acqua, ecc. Per ottenere superfici perfette, le vernici lucide possono richiedere una lucidatura. La lucidatura viene eseguita con paste abrasive di grana minima 1000 e dischi speciali in feltro o microfibra.
      Per tutte le informazioni di cui sopra lascio di seguito i link agli articoli dedicati dove le spiegazioni sono più elaborate.
      È un bene che non vogliate una lucentezza elevata. È difficile da ottenere e non si abbina affatto ai mobili rustici.
      È possibile applicare solo bagno e vernice. Non è possibile applicare vernici e pitture perché la vernice non ha proprietà superficiali, cioè non è resistente ai graffi e all'abrasione, non ha un aspetto gradevole al tatto e non è lucida.
      Buona fortuna!
      https://revistadinlemn.ro/2018/12/06/colorarea-lemnului-recomandari-pentru-un-aspect-fara-pete/
      https://revistadinlemn.ro/2020/09/17/10-trucuri-pentru-suprafete-din-lemn-perfect-finisate/
      https://revistadinlemn.ro/2022/09/22/de-ce-se-ridica-fibra-lemnului-la-vopsirea-cu-produse-pe-baza-de-apa-ce-facem-ca-suprafata-sa-fie-redevina-neteda/
      https://revistadinlemn.ro/2019/04/18/greseli-din-exces-de-zel-la-slefuirea-manuala-a-lemnului/
      https://revistadinlemn.ro/2017/07/17/sfaturi-pentru-cei-ce-fac-mobila-in-stil-rustic/

      • Salve signora Mihaela Radu,
        Potreste guidarmi nella scelta dei prodotti per la verniciatura di scale in legno di faggio + balaustre in bianco? Vorrei una vernice il più possibile resistente agli urti meccanici e che mantenga il suo colore (non ingiallisca) per anni.
        Pensate che sia necessario anche isolare prima di applicare il primer?
        Grazie in anticipo!
        Una bella giornata

        • Ciao!
          La più resistente all'ingiallimento è la vernice acrilica a base di solvente. Si tratta di una vernice bicomponente con indurente, quindi ha una buona resistenza meccanica. Aumentando la percentuale di indurente con 5-10% si aumenta la durezza. Non superare la percentuale massima perché la vernice potrebbe diventare fragile.
          Un'altra opzione è la vernice per pavimenti a base d'acqua con un additivo anti-ingiallimento.
          Vi consiglio di acquistare i materiali professionali. Si possono trovare presso i distributori di vernici e colori come Sirca, ICA (Lomilux), Sayerlack, Renner, Milesi, ecc.
          Il faggio non è un legno tannico, quindi in genere non ha bisogno di isolamento. Se si utilizza una vernice a base d'acqua, il mio consiglio è di applicare anche un isolante. L'acqua può sciogliere i coloranti o altre sostanze presenti nel legno e la vernice può cambiare colore.
          Buona fortuna!

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItaliano