Finitura fai da te - Lucidatura - Tecniche di finitura

Perché ho un consumo così elevato quando vernicio i mobili in MDF?

L'altro giorno un mio amico che produce mobili con frontali in MDF verniciati mi ha chiamato per chiedermi quale dovrebbe essere il consumo di vernice per 1 m² di MDF primerizzato. Dalla sua voce ho capito che qualcosa non andava. Sapevo che l'applicazione avviene a spruzzo, con una normale pistola a tazza. Le risposi che il consumo sarebbe salito a 200 g/m², con materiale preparato con catalizzatore e, se necessario, diluente, e addirittura a 250-300 g/m², se il modello presenta ritagli, profili, bordi, cornici cave e altre lavorazioni che aumentano le perdite. Ma la realtà era molto lontana dalle cifre indicate e l'analisi dei motivi per cui si arrivava a tali consumi mi ha convinto a scrivere questo articolo.

mobili in mdf, consumo di vernice

Cosa dice la teoria

Nel caso di vernici e pitture applicate su MDF primerizzato, il consumo è compreso tra 110 e 150 g/m² di materiale preparato (indurente, diluente) lasciato sulla superficie. Se versiamo più di questa quantità di liquido su 1 m² di superficie piana non assorbente (come nel caso di pitture e vernici applicate sulla superficie primerizzata), sarà difficile mantenere il liquido sulla superficie perché tende a colare. Lo stesso vale per le vernici e le pitture, e ciò che viene consumato in eccesso rispetto alla quantità consigliata è uno spreco.

I materiali citati sono utilizzati anche per il legno, non sono specifici. MDF. In generale, il consumo di materiale di finitura su una mano, materiale che rimane in superficie e senza perdite, varia a seconda del tipo di materiale, della sua viscosità, dell'assorbenza del substrato e del metodo di applicazione. In caso di applicazione a spruzzo, il consumo può variare da 60-70 g/m² nel caso di verniciatura a forno, fino a 200-250 g/m² nel caso di verniciatura a pennello. pitture e vernici tixotropiche. Questi consumi si trovano generalmente nelle raccomandazioni del produttore - in schede tecniche, tecnologie o etichette dei prodotti.

Le bacche sono più sottili e assorbono il legno, ma non formano una pellicola, quindi il consumo è ridotto. All'altra estremità dello spettro ci sono i materiali tixotropici, che hanno la proprietà di non scorrere a causa di componenti che aumentano la tensione superficiale. Questa proprietà consente di applicare una grande quantità di prodotto su una superficie orizzontale o verticale senza perdite.

Perché si verificano le perdite

Quando l'applicazione avviene tramite spruzzatura convenzionale (con una pistola a spruzzo e la pressione dell'aria di un compressore) le perdite possono essere molto elevate. In teoria vanno da 20% per le superfici piane fino a 60% per i telai e le cornici. Ma la realtà è diversa e le perdite possono essere 3-4 volte superiori. Esse si verificano principalmente a causa dell'elevata pressione dell'aria che proviene dal compressore e che entra nella pistola. Si dovrebbe lavorare con una pressione di 3-3,5 atm, massimo 4. Spesso si lavora con 6-7 perché l'alta pressione dà la sensazione di produttività. Sembra che la mano "corra" quando la pressione è alta, ma questo aumenta anche la quantità di vernice lanciata in aria (over-spray). E tutta questa quantità è uno spreco.

Un'altra fonte di perdita può essere l'ugello della pistola. Per la spruzzatura convenzionale di vernici e pitture si utilizzano ugelli da 1,8-2 mm. Un ugello troppo piccolo (1,2-1,5) va bene per i bagni, ma per far uscire la vernice con un ugello di questo tipo è necessario aumentare la pressione, con conseguenti perdite. Inoltre, le piccole gocce non formeranno un film continuo e il film si gasa facilmente diventando ruvido. Un ugello troppo grande (2,5-3 mm, come quello utilizzato per i prodotti tixotropici) può applicare una quantità eccessiva e causare fuoriuscite. Trattandosi della vernice di finitura, non vogliamo certo che ciò accada.

Lo strato finale di vernice o di pittura viene applicato sulla mano di fondo asciutta e carteggiata. Se il primer non copre la superficie in modo sufficiente da impedire alla vernice di assorbire il legno o l'MDF, il consumo aumenta e ciò significa anche perdite.

Le perdite dipendono molto anche dal modello, dal design del pezzo. Se il mobile presenta molti spigoli, angoli, cornici, fresature, ritagli, il consumo aumenterà e anche le perdite. Anzi, è proprio qui che si registrano le perdite maggiori. Per questo tipo di design le più adatte sono le pistole a spruzzo che possono dirigere il getto.

 

Come ridurre le perdite

Anche se può sembrare che la riduzione delle perdite riguardi solo la spruzzatura e la qualità della pistola, il problema inizia molto prima. Esaminiamoli uno per uno.

Scelta dell'MDF e levigatura delle aree fresate . L'MDF utilizzato deve essere di buona qualità, non macchiato e senza piccoli fori sulla superficie. Se lavorate con l'MDF da molto tempo, un prezzo più basso, diverso da quello che pagate di solito e dal solito prezzo di mercato, dovrebbe farvi pensare due volte. Ho visto MDF di qualità così scadente da assorbire quasi completamente la seconda mano di primer.

Le aree fresate devono essere ben levigate. Utilizzare una carta vetrata di grana 150 o 180, come per la legno in bianco. La fibra sollevata deve essere tagliata e la superficie deve essere lisciata. Se la preparazione del substrato non viene eseguita correttamente, una grande quantità di primer verrà assorbita (di nuovo perdita) e la fibra si solleverà. Per le aree fresate di MDF si consiglia l'uso dell'isolante, un materiale che sigilla molto meglio la superficie e impedisce l'assorbimento.

Non lesinate sul primer. Non pensate di iniziare l'economia con il primer. Applicare un minimo di due mani (mani, non passate). È il primer che assicura un aspetto gradevole alla fine. Inoltre, la vernice è più costosa del primer. Uno strato sottile di primer comporta un maggior consumo di vernice per ottenere la qualità desiderata. Conoscete l'espressioneeconomia in crusca e una grande mano in mais? Così è con il primer sottile.

Carteggiare correttamente il fondo, scegliendo la giusta grana per la carta vetrata.. Se avete applicato 2 mani di fondo che vengono rimosse durante la carteggiatura, non avete risolto nulla. La carteggiatura deve essere eseguita con carta abrasiva di grana 280 o 320 se la vernice che state applicando sarà opaca o semi-opaca e 400 o superiore se state applicando una vernice lucida. Se la carta ha una grana più piccola (è più grossolana), si preleva troppo primer e ciò comporta un doppio danno: da un lato si butta via il primer e dall'altro si ottiene una superficie di scarsa qualità.

verniciatura di mobili in mdf, riduzione del consumo di vernice

Se si vede l'MDF dopo aver carteggiato il primer, c'è qualcosa che non va. O avete usato troppo poco primer, o la carta abrasiva non è adatta. Quando si applica la vernice, il pezzo deve essere ben primerizzato e privo di asperità. Se il pezzo è ben primerizzato e carteggiato in modo che rimanga liscio e l'MDF non si veda, si utilizzerà una piccola quantità di vernice, quanto basta per garantire colore e brillantezza.

Utilizzare pistole a spruzzo di qualità. Non tagliate la corda quando acquistate pistola a spruzzose si desidera ottenere superfici belle, prive di colature e non unte. Mantenere la pistola lavandola accuratamente dopo l'uso o alla fine di ogni giornata di lavoro. Lavorate con l'ugello e la pressione giusta, anche se vi accorgete di non lavorare abbastanza velocemente. E se state pensando di fare un investimento, acquistate una pompa a spruzzo. Vi stupirete della differenza, della qualità di applicazione dei prodotti e della riduzione dell'overspray.

Determinazione del consumo effettivo. Calcolo delle superfici

Nel determinare il consumo si deve tenere conto di tutte le superfici da coprire. Se si calcolano solo le superfici piane e si ignorano i bordi, le fresature e i tagli che aumentano la superficie reale, si otterranno perdite molto elevate. Ma non sono reali perché tutte queste superfici strette esistono e devono essere coperte. Aggiungendole all'area totale, le perdite possono diminuire in modo significativo.

Per determinare il consumo effettivo, è più facile preparare una quantità di materiale all'inizio della giornata e dipingere almeno un pezzo intero con tutti i componenti. Quanto più numerosi e variegati saranno i pezzi dipinti, tanto più completo sarà il quadro del consumo effettivo. Dopo 4-6 ore o anche alla fine della giornata, pesate la quantità di vernice rimasta, sottraetela dalla quantità totale mescolata e vedete il consumo effettivo, con tutte le perdite. Quindi calcolare la superficie corretta, compresi gli angoli, i bordi e tutte le superfici strette, dividere il consumo totale per la superficie totale dipinta e ottenere il consumo effettivo per m². Se il consumo effettivo di vernice è più del doppio di quello indicato nella scheda tecnica, c'è un problema.

Spero che le raccomandazioni di cui sopra vi siano utili. Se avete domande o bisogno di ulteriori informazioni, scrivete qui sotto nell'apposito spazio. Prometto di rispondere a ciascuno di voi.

verniciatura di mobili in mdf, riduzione del consumo di vernice

Mihaela Radu

Mihaela Radu è un ingegnere chimico ma ha una passione per il legno. Lavora nel settore da più di 20 anni e la finitura del legno è ciò che l'ha definita in questo periodo. Ha acquisito esperienza lavorando in un istituto di ricerca, nella propria azienda e in una multinazionale. Vuole condividere continuamente la sua esperienza con chi ha la stessa passione, e non solo.

Aggiungi commento

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItaliano