Casa NZEB Casa passiva - Fabbricazione di case in legno - Presentazione delle case in legno

Con Ion Iosif, proprietario di "The House by the Lake", sull'esperienza di cantiere e sulla vita in una casa passiva di qualità superiore

Daniela e Ion Iosif hanno iniziato con l'idea di costruire una casa molto confortevole che fosse facile da mantenere in futuro. E hanno finito per costruire una casa passiva premium certificata dal Passivhaus Institute Germany. A questo livello, la sostenibilità e l'efficienza energetica sono nel DNA del progetto in tutte le sue fasi, così come nel livello di lavorazione, nei materiali e nelle attrezzature installate. Anche la certificazione della casa faceva parte del piano, perché in questo modo si era certi che ogni fase fosse ben fatta e che il consumo energetico per la manutenzione non superasse i 15 kWh/m² all'anno. Wood Magazine ha documentato l'intero progetto, dall'erezione delle prime pareti alle impressioni dopo oltre un anno di vita nella casa. Trovate tutti i video su La strada verso casa.

Una casa esattamente come la volevano

La prima immagine che mi viene in mente di questo progetto è la gioia di Ion per la montaggio della prima parete della casa. È successo il 10.05.2021 e dopo il primo giorno è rimasto assolutamente colpito dalla velocità con cui la casa ha preso forma. Ion è un ingegnere, molto meticoloso e appassionato di cose tecniche, ben fatte e molto ordinate. Prima di iniziare a costruire, si è ispirato alla Casa Buhnici e ha guardato tutti i suoi video. Sindoni di costruire correttamente una casa, per capire e applicare al suo progetto ciò che ritiene giusto per lui.

Ora la sua esperienza può essere d'ispirazione per altri. Ci siamo incontrati l'8.05.2021, il giorno in cui la casa veniva montata e da allora abbiamo fatto circa 20 visite a lui. Gli ho fatto visita anche alcune volte dopo che si è trasferito nella casa, nell'aprile 2022. Ogni volta che ci vediamo, Ion è giustamente orgoglioso di ciò che rappresenta ora la sua casa in termini di dimensioni, efficienza energetica e soprattutto di essere la casa confortevole che ha pensato nei minimi dettagli. Gli ho chiesto cosa gli piace di più della casa e mi ha risposto, come se scrivesse a lettere maiuscole: "TUTTO! ADORO TUTTO! È davvero, davvero buono, c'è una grande differenza di qualità. La casa passiva offre un maggiore comfort. La temperatura è ottimale, l'umidità è correlata alla temperatura, il che aumenta il comfort".

Gli inizi e le sfide di una fondazione su un terreno difficile

Daniela e Ion Iosif hanno deciso nel 2020 di costruire una casa sul terreno acquistato vicino al lago Pantelimon. Vivevano a Bucarest, in un appartamento di tre stanze in un condominio nel quartiere Titan, in piazza Trapezului. Quando hanno comprato il terreno, hanno scelto la città di Pantelimon, vicino a Bucarest, per stare vicino a luoghi che conoscevano bene. La zona piaceva loro perché era tranquilla e il terreno vicino al lago e alla foresta era un buon posto per la loro futura casa. L'ambizione di questo progetto era di realizzare una casa architettonicamente semplice, sufficiente come spazio per loro e per i loro due figli, costruita esplorando al meglio il potenziale delle nuove tecnologie.

I lavori sono iniziati nel giugno 2020 con le fondamenta. Non avrebbe dovuto essere un problema e non sarebbe dovuto costare molto perché le fondamenta delle case a struttura in legno, più leggere rispetto a quelle in mattoni o cemento, sono più semplici. Solo che la zona si è rivelata difficile dal punto di vista del terreno. L'indagine geotecnica ha rilevato che il terreno aveva un metro di terra, sotto il quale si trovava un metro di rifiuti domestici depositati sopra le macerie del terremoto del 1977.

La fondazione non poteva essere gettata sopra le macerie, quindi è stata prima scavata fino a 3,5 m, poi riempita con calcestruzzo frantumato in strati e un cuscino di zavorra che sono stati compattati. Prima di gettare le fondamenta, il terreno è stato isolato con aggregato di vetro espanso per l'impermeabilizzazione e l'isolamento termico, dopodiché sono state gettate le fondamenta. A causa del terreno, la fondazione doveva essere del tipo a platea con elevazione. La fondazione è molto più costosa di quella che sarebbe necessaria per una casa a graticcio.

Dal desiderio di un maggiore comfort alla certificazione come CASA PASSIVA

"Fin dall'inizio non sapevo di volere una casa passiva. Volevo una casa che mi garantisse un ottimo comfort. In seguito ho scoperto che il comfort che volevo nella mia nuova casa corrispondeva al concetto di casa passiva. Avevo alcune idee di base e sapevo cosa volevo da una casa, ma non avevo i ponti tra queste idee. Il progetto Casa Buhnici mi ha mostrato questi ponti, ho scoperto come mettere insieme tutte le idee.

Dopo aver discusso con l'architetto, abbiamo deciso di farne una casa passiva. Volevo una casa con ventilazione meccanica, con riscaldamento a pavimento, dopo quello che avevo visto a Buhnici, volevo un raffreddamento a soffitto e tutto questo poteva avvenire solo con un ottimo isolamento. E se si fa tutto questo, si è già abbastanza vicini ai costi di una casa passiva. L'impermeabilizzazione della casa non era una mia idea, ma dato che è l'unica cosa che mancava allo standard della casa passiva, ho pensato: perché non farlo?

Non sono partito dall'idea di una casa passiva o di voler essere indipendente dal punto di vista energetico, ma volevo più comfort all'interno della casa, perché è qui che trascorriamo la maggior parte del nostro tempo. Da lì è stato solo un passo".

Poiché stava per costruire una casa passiva, Ion ha deciso fin da subito di certificare la casa, sapendo che era una garanzia che il lavoro era stato fatto bene. Durante la costruzione della casa, un consulente energetico ha seguito l'intero processo di costruzione per preparare la documentazione necessaria alla certificazione della casa passiva.

"Avere la certificazione, anche se al momento non si ottengono benefici fiscali, è una garanzia che abbiamo costruito secondo uno standard elevato. Il costo effettivo della certificazione non è stato molto elevato. Lo Stato dovrebbe incoraggiare la costruzione di case passive perché alla fine consumiamo meno energia e graviamo meno sul sistema energetico".

Struttura in legno eretta in una settimana

Inizialmente aveva pensato a una casa con struttura metallica, ma sarebbe stato più difficile raggiungere le prestazioni di una casa passiva, così decise che la soluzione migliore era una struttura prefabbricata in legno. Poiché la decisione di realizzare una casa passiva era già stata presa, fin dalla fase di progettazione è stata prestata attenzione all'orientamento della casa e per beneficiare della luce solare tutte le finestre sono state posizionate sul lato sud della casa, rivolte verso il lago e il cortile.

L'architettura della casa è stata progettata per essere il più semplice possibile, con un facile accesso e il massimo utilizzo dello spazio. La casa è composta da piano terra + mansarda, con soggiorno, cucina, ufficio, locale tecnico, un bagno e un laboratorio al piano terra, e tre camere da letto e due bagni in mansarda. Sul lato est si trova la strada da cui si accede al cortile. Il retro della casa è a nord, mentre sul lato ovest la casa continua con una terrazza coperta con accesso dalla cucina e dalla sala da pranzo.

Per la struttura prefabbricata in legno ha lavorato con Litarh - Case di legno. L'8.05.2021 l'équipe ha iniziato con la disposizione dei piani e dopo una settimana il piano terra, il soffitto e il sottotetto erano pronti. Come materiale isolante sono stati utilizzati 15 cm di intonaco di basalto minerale all'interno delle pareti esterne, più 15 cm all'esterno e 40 cm sul tetto. Litarh si è occupata della struttura, dell'involucro e dell'impermeabilizzazione della casa. Il 14.06.2021, dopo l'involucro della casa, è stato effettuato un primo blower door test per identificare e risolvere eventuali problemi di tenuta all'aria.

Elementi della casa passiva

Seguendo i principi di una casa passiva, la casa di Joseph è dotata di ventilazione meccanica per portare l'aria fresca necessaria all'interno della casa e per regolare l'umidità. Il riscaldamento della casa avviene attraverso il pavimento con una pompa di calore aria-acqua e il raffreddamento attraverso il soffitto. Trattandosi di una casa passiva, le finestre e le porte svolgono un ruolo importante. Non si può montare un serramento qualsiasi, ma uno che offra un alto livello di isolamento termico, finestre che garantiscano luce tutto l'anno senza compromettere il comfort termico.

La casa è stata sottoposta a due prove di tenuta per verificare la presenza di perdite d'aria. L'aumento dell'ermeticità è stato garantito eliminando gli scambi d'aria incontrollati con l'esterno attraverso i punti sensibili (giunti delle pareti, giunzioni parete/finestra, penetrazioni per i percorsi elettrici, termici e idraulici). L'accurata lavorazione nel test finale di tenuta all'aria ha prodotto un risultato positivo che ha portato la casa a rientrare negli standard di casa passiva.

Il tetto è così ben isolato che Ion dice di non sentire nulla quando piove sulla casa. "Qui stiamo parlando di un sistema che presenta, partendo dall'interno: pannello di cartongesso, intercapedine d'aria, membrana sigillante, 40 cm di lana di basalto, pannello HDF, membrana Rockwool, listello, quindi un'altra intercapedine, OSB, membrana di setola e pannello. 10 elementi, quindi nessuna possibilità di sentire qualcosa. Assolutamente nessun suono. Il pannello è stato installato da Stelică (Stelian Stavarache, S.Y.S.PRO CONSTRUCT) Con esso abbiamo realizzato le fondamenta, versato il massetto liquido sopra il riscaldamento a pavimento, realizzato il rivestimento in lamiera e installato l'impianto fotovoltaico".

SALA TECNICA - Centro di comando della casa

Una stanza speciale è il locale tecnico, che Ion ha dotato di spazio sufficiente per ospitare tutti gli elettrodomestici e gli impianti destinati ad aumentare il comfort della casa.

"Abbiamo installato la ventilazione meccanica, che fornisce aria fresca e controllo dell'umidità. Per l'acqua calda sanitaria abbiamo optato per un puffer da 300 litri di capacità con una pompa di calore che recupera il calore dalla ventilazione meccanica prima di essere scaricato all'esterno e due pannelli solari sul tetto per l'acqua calda. Al momento funziona in modalità risparmio, cioè la resistenza elettrica non si accende. Funziona in modalità economica dallo scorso settembre (2022). In modalità economica il calore che ottengo dall'aria viziata e dai pannelli solari è sufficiente. Abbiamo 300 l di acqua calda a 62 gradi, prima di uscire per i bagni, abbiamo una valvola miscelatrice che non permette all'acqua calda di uscire con una temperatura superiore a 45 gradi, per motivi di sicurezza. C'è anche la pompa di calore ad acqua di falda per riscaldare e raffreddare la casa, che utilizza un pozzo profondo 100 metri attraverso il quale passa l'agente termico in un circuito chiuso, un sistema che ha anche un puffer da 300 litri per immagazzinare il calore".

"Abbiamo sensori di fumo e di calore collegati alla centrale antifurto per il rilevamento degli incendi, nonché sensori di umidità per il rilevamento degli allagamenti. Abbiamo anche installato un dispositivo mobile di estinzione a polvere per limitare i danni di potenziali incendi nel quadro elettrico. In caso di potenziale allagamento, i sensori di umidità azionano un'elettrovalvola che interrompe l'alimentazione idrica della casa per limitare i potenziali danni alle cose. Nel rack che serve la parte IT, abbiamo un UPS che, in caso di interruzione di corrente, mantiene in funzione l'intero sistema finché non viene collegato il generatore di riserva. Sempre nel locale tecnico si trova l'inverter per i pannelli fotovoltaici della casa".

Tutto è ordinato, pulito ed etichettato, dagli elettrodomestici ai cavi e alle tubature. Nulla è lasciato al caso, Ion ha una soluzione per tutto. Ad esempio, i fermi delle porte sono magnetici, montati a parete. Le prese di corrente in cucina sono nascoste nel corpo del mobile sospeso, il che lo rende molto pratico ed esteticamente più gradevole. Poiché un sensore di fumo in cucina potrebbe generare falsi allarmi a causa del vapore prodotto dalla cottura, è stato installato un sensore termico che si attiva solo in caso di temperatura eccessiva, in particolare in caso di incendio. Anche se il fornello è a induzione ed è improbabile che possa innescare un incendio, anche questo piccolo rischio è coperto. Sono molti i dettagli abilmente "nascosti" che Ion ci mostra, ma quello che ovviamente salta all'occhio è la pavimentazione.

Pavimenti in resina epossidica

"Per fare una buona casa bisogna essere aperti a provare cose nuove, essere aperti alle soluzioni. Da tempo guardo tutorial su Youtube e ho visto che, soprattutto in America, usano (resina epossidica) come finitura per le abitazioni. Non sembrava complicato e ho detto di provarci. Fornitore di resina epossidica attraverso il signor Eduard Wurtz ci ha assicurato che non era difficile da realizzare e ci ha fornito tutto il supporto tecnico di cui avevamo bisogno. E l'abbiamo realizzato da soli, senza esperienza, noi che abbiamo verniciato al massimo una sedia in vita nostra.

Abbiamo iniziato con una prova nello spogliatoio principale, una stanza molto piccola, e il risultato è stato spettacolare. Abbiamo continuato nel loft, stanza per stanza, perché lì abbiamo porte scorrevoli e una demarcazione fisica tra i piani. Abbiamo lasciato il piano inferiore alla fine, perché non abbiamo un rivestimento e doveva essere posato in un'unica operazione. Al piano superiore abbiamo scelto un fondo grigio con accenti di rame per abbinarlo al marrone delle porte scorrevoli. La resina di base è trasparente e vi si aggiungono pigmenti metallici per ottenere colori diversi. In apparenza dà l'impressione del marmo. È facile da mantenere, non ha giunture, si può praticamente gettare un secchio d'acqua sul pavimento e ripulirlo senza creare danni".

Cosa c'è di difficile nella costruzione di una CASA PASSIVA

"Penso che l'idea di hard sia in gran parte legata al denaro. Penso anche che se non si ha qualcuno che gestisca il progetto, la costruzione può essere un incubo perché tutte le fasi sono strettamente collegate tra loro. Bisogna sapere cosa e quando costruire. Anche se hai il progetto, devi conoscere le fasi e il loro ordine, sapere quando fissare le date di inizio con le varie squadre di montatori. Sono stato fortunato perché nel periodo in cui ho realizzato la casa ho avuto il tempo di dedicarmi alla costruzione.

Ci sono anche molte cose a cui bisogna pensare in anticipo, anticipare e ricordare. Ci sono stati episodi che ho dimenticato e ricordato alla dodicesima ora. Per esempio, avevo l'impianto audio da installare in soggiorno e i cavi dovevano essere tirati prima di poter chiudere il soffitto e mettere il raffreddamento attraverso il soffitto. Avevo l'impianto, i cavi, ero lì, ma dopo aver installato il soffitto e il raffreddamento ho scoperto che non li avevo tirati. Alla fine ho trovato una soluzione suggerita dall'imbianchino e ho fatto passare i cavi attraverso il soffitto tra le due linee di raffreddamento.

Inoltre, quando ho gettato le fondamenta, ho pensato di avere due ingressi attraverso le fondamenta per le correnti forti e due per le correnti deboli. Solo che non ho pensato di realizzarle con un tubo di diametro maggiore, ad esempio 100 mm e mettere un tubo di 50 mm di diametro. Ora, se devo inserire un altro cavo, non c'è più spazio attraverso il tubo che attraversa la fondazione. Ci sono state piccole, piccolissime sviste. Anche quando li conosci, possono esserci degli errori".

Cosa farebbero altrimenti?

"Individuerei le lacune tecniche per le installazioni già in fase di progettazione. Si tratta di passaggi tra i piani, tra le stanze, per gli impianti elettrici, termici e idraulici. Erano piuttosto difficili da eseguire quando li abbiamo realizzati. Le lacune tecniche per gli impianti dovrebbero essere incluse nella fase di progettazione".

Scelta del sistema smart home

"Ho avuto difficoltà a decidere quale sistema smart home scegliere per la mia casa. Sapevo di volere un sistema intelligente, sapevo di voler controllare alcuni elementi, se non tutti, ma non sapevo quale sistema scegliere. Conoscevo KNX, ma è un sistema molto costoso. Molto buono, ma non eccessivamente costoso. Ho realizzato il cablaggio da solo, ma per la casa intelligente quale cavo devo tirare, come devo tirarlo, che tipo di luci devo inserire, intelligenti o meno, quali interruttori?

Ho scelto di rendere intelligente il sistema di alimentazione, nel senso che ho reso intelligente l'alimentazione delle luci, per controllare il sistema di alimentazione. Ciò significa che posso inserire qualsiasi tipo di lampadina, a incandescenza, a led, al neon o altro. Scegliere questo sistema significa non avere bisogno di prese di corrente. Ho scelto interruttori wireless che controllano i relè direttamente nel locale tecnico. Abbiamo tirato i circuiti dedicati, il cavo direttamente nel locale tecnico e l'interruttore wireless può essere montato ovunque perché controlla il relè che aziona la luce in quel locale. Abbiamo quindi un sistema di alimentazione intelligente.

Abbiamo risparmiato molto denaro, credo anche sulla manodopera, perché non abbiamo inserito altre spine di collegamento, non abbiamo inserito altri interruttori perché si attaccano alla parete. Abbiamo scelto gli interruttori cinetici, che non hanno bisogno di batterie. Producono energia sufficiente quando si preme il pulsante per inviare l'impulso al relè".

3 elementi essenziali per costruire una buona casa

"La documentazione, innanzitutto. Bisogna sapere cosa si vuole fare, capire e sapere cosa si sta cercando. Poi andate a vedere i progetti realizzati da coloro con cui volete lavorare, informatevi su come si sono svolti nel tempo, chiedete un feedback ai beneficiari!

Il design. Credo che i rumeni non gli diano l'importanza che merita. Fanno un progetto di casa solo per ottenere il permesso di costruzione e quando iniziano a costruire, aspettano, non voglio questo qui. Un progetto è come un domino, se si cambia una parte, si ripercuote su un'altra. Un progetto ben fatto e seguito passo dopo passo consente di risparmiare molto: si possono fare le stime dei costi e dei materiali necessari. Il capocantiere deve controllare che tutto sia fatto secondo il progetto. Se non si lavora secondo il progetto, che lavoro è, non si ha nessuna garanzia. Ognuno ha la sua parte di esperienza, di lavoro, di responsabilità. Molte persone cercano di saltare alcune fasi, considerandole costi inutili, oppure lo facciamo perché è richiesto. Per me il progetto è super essenziale. Non si può fare qualcosa se non si ha il progetto e gli artigiani che lavorano secondo il progetto.

Quindi, sì, documentazione, progettazione, maestria nell'esecuzione: questi sono i 3 elementi essenziali per costruire bene una casa".

Costi

La positiva esperienza di costruzione è stata favorita anche da un'efficiente strategia di approvvigionamento dei materiali. Con il denaro a disposizione, si è optato per la strategia di acquisto anticipato di materiali e impianti, ottenendo sconti in caso di pagamento completo. Hanno acquistato in anticipo il riscaldamento e l'impianto idraulico, il sistema di sicurezza e le telecamere, il tetto. In questo modo hanno ottenuto un risparmio significativo.

"Quando abbiamo iniziato la costruzione, esattamente un mese dopo, è iniziato l'aumento dei prezzi. Quanto abbiamo speso non è più rilevante, perché molti dei prezzi dei materiali utilizzati sono aumentati. Il costo della casa è stato di 350.000 euro, di cui 40.000 euro per le fondamenta, che avrei potuto risparmiare se il terreno fosse stato adatto. Per quanto riguarda le finiture, le più costose sono state l'intonacatura dei soffitti freddi, che richiede un grande rivestimento e materiali speciali, e la manodopera, che è stata più costosa.

La pavimentazione è tutta in resina epossidica e qui abbiamo risparmiato la manodopera perché l'abbiamo fatta noi. Per 70 mq al piano superiore, il costo della posa del pavimento per il riscaldamento a pavimento ci avrebbe portato, con materiali e manodopera, a 10000 euro (70 mq solo al piano superiore). La resina ci ha portato a 6000 euro per l'intera casa di 170 mq (piano terra + primo piano).Inoltre, abbiamo un pavimento pratico, molto facile da mantenere e che fornisce un trasferimento di calore ottimale, credo il migliore. Sono molto, molto soddisfatto".

Dopo un anno e mezzo di vita in una casa passiva

Come è ora, dopo più di un anno di vita nella casa passiva premium.

"Essendo una casa a graticcio, dopo un anno mi aspettavo delle crepe nell'intonaco, ma non è così. Non c'è nessun rumore dagli altri piani, nessun movimento, nessuno scricchiolio, nessun rumore, anche da una stanza all'altra sullo stesso livello. Il prossimo progetto prevede la realizzazione di una cucina estiva e di una tettoia, anch'esse su struttura in legno.

Se dovessi costruire un'altra casa, ne costruirei comunque una passiva, senza alcun dubbio. Mi piace talmente tanto il comfort che ho ora che non potrei concepire qualcosa di meno. La qualità dell'aria in casa è eccellente, abbiamo in più una fornitura costante di aria fresca e un controllo dell'umidità. La ventilazione meccanica funziona immettendo aria fresca esterna attraverso il soggiorno e le camere da letto ed espellendo l'aria viziata attraverso la cucina, i bagni e il locale tecnico.

In estate la casa è fresca grazie ai soffitti con serpentine di raffreddamento, mentre in inverno c'è molto calore proveniente dal pavimento. Abbiamo tutti i comfort, non credo che al momento ci sia qualcosa che possa aumentare il nostro comfort. Abbiamo già attraversato tutte le stagioni, con un'estate molto calda. Il consumo di riscaldamento/raffreddamento non supera in media i 5kw/giorno per 170 mq. Al momento spendiamo meno di 5kw/giorno per il riscaldamento/raffreddamento, ma l'impianto fotovoltaico non è ancora stato messo in funzione".

Ion e Daniela sono partiti dall'idea che la loro futura casa sarebbe stata molto confortevole, senza sprechi di spazio, una casa moderna e comoda che li avrebbe protetti da costi elevati in futuro. È così che hanno finito per costruire una casa passiva. Lo standard della casa passiva è attualmente il modo per risolvere essenzialmente i problemi di energia, comfort e vita interna. Non è facile costruire una casa. Richiede tempo e riflessione. È necessario pianificare, dare priorità ai "desideri e alle necessità" e analizzare le opzioni disponibili che si sovrappongono al proprio budget. Ion ha deciso di coinvolgere 100% nella costruzione della casa e di affidare a imprese/team specializzati ed esperti ogni fase della costruzione.

Nell'agosto 2022, la Casa sul Lago ha ricevuto la certificazione di Casa Passiva Classica del Passivhaus Institute. Nel momento in cui state leggendo, poiché l'impianto di pannelli fotovoltaici è già stato installato e messo in funzione, la Casa sul Lago si qualifica e riceve la certificazione Passive House Premium, essendo una delle 3 case in Romania certificate a questo livello.

DETTAGLI: Abitazione passiva Gf+M Superficie: 236 mq
Architettura: arh. Raluca Munteanu / arh. Sandra Șonei - Studio Arhi.Mede
Progetto di struttura: ing. Cătălin Caraza - Ufficio progettazione ingegneria creativa
Progetto di installazione: ing. Cornel Stanciu - Studio Instal
Costruzione della struttura: Case di legno Litarh
FinestraInternorm KF410
Sistema di ventilazione con recupero di calore: Zehnder ComforAir Q350 - Consulenza informatica EcoInstal
Certificazione di casa passivaIng. dr. Varga Szabolcs - V&V Projekt
Consulenza energetica: arh. Adriana Sîngeap - BIA

Dan

Ho avuto la possibilità di lavorare in diversi reparti. Ho così acquisito esperienza in Finanza, Contabilità, Logistica, Vendite, Operazioni, Marketing. Sono un giocatore di squadra e un giocatore a tutto tondo. Sono un imprenditore, ho coordinato la vendita di un'azienda di vernici e pitture per legno a una multinazionale. Nel 2016 ho scoperto il mondo digitale, l'editoria e il marketing online. Da allora ho trasferito online l'esperienza e le competenze accumulate.

Aggiungi commento

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItaliano