Deco&Design

Oltre 100 anni di mobili salvati da specialisti appassionati

Nell'articolo vi ho parlato di ristrutturazione e restauro di mobili che è meglio rivolgersi agli esperti se si hanno mobili vecchi e di valore e si vuole dar loro nuova vita. Nel frattempo, ho trovato l'esempio migliore per avvalorare la mia tesi: un mobile da salotto Chippendale più di 100 anni. Era stata ereditata dai nonni da una famiglia desiderosa di conservarla, ma per ragioni oggettive non poteva mantenerla in ottime condizioni. Quando finalmente hanno avuto lo spazio necessario, hanno avuto la sgradevole sorpresa di vedere che i mobili erano molto deteriorati e hanno deciso di rivolgersi a degli specialisti per salvarli.

vecchi mobili

Hanno cercato in rete un'azienda che li convincesse ed è così che si sono ritrovati con SaveMob. Li hanno contattati e loro sono venuti, hanno visto i mobili, hanno valutato la situazione e hanno detto cosa si poteva fare. Sono rimasti a riflettere e a dare una risposta. Non ci hanno messo molto a decidere, perché volevano davvero quei mobili e l'azienda dava loro fiducia. Così è iniziato il lungo e difficile processo di salvataggio di un vecchio e prezioso mobile.

Per prima cosa sono arrivati i ragazzi del trasporto che hanno preso ogni pezzo, ogni pezzo più o meno danneggiato, li hanno inventariati, hanno annotato i dettagli sulla provenienza e altri dettagli del genere, li hanno caricati sul camion e li hanno portati all'officina di Bucarest.

vecchi mobili

In laboratorio è stato rifatto l'inventario e sono iniziati i lavori. I pezzi sono stati analizzati attentamente e si è scoperto che erano pesantemente attaccati dalla decomposizione, alcuni pezzi erano addirittura compromessi.

vecchi mobili

C'erano anche alcune parti, come le gambe delle cassapanche o delle sedie, che semplicemente non potevano essere ricostruite e l'unica soluzione era sostituirle.

vecchi mobili

La fase successiva consisteva nel pulire il mobile fino al legno, smontarlo e rimontarlo e riparare tutti i difetti e le delaminazioni. Gli ornamenti intagliati che potevano essere staccati venivano puliti con cura per non danneggiare l'intaglio. Il tutto è stato portato alla fase di pulizia del legno, a questo punto le tracce dell'intaglio erano ancora più evidenti.

vecchi mobiliCosì, "spogliati" del rivestimento di vernice, i pezzi sono stati trattati per la prima volta contro la carie. Dico prima volta perché l'operazione veniva ripetuta più volte, a intervalli di una settimana, per assicurarsi che tutte le larve fossero uccise. A questo scopo i mobili venivano caricati in un camion che poteva essere sigillato e spruzzati con una soluzione anticarie concentrata fino a saturazione. Poi il camion è stato chiuso e i mobili sono rimasti in quell'ambiente fino al giorno successivo.

vecchi mobili

Per una settimana sono stati stuccati tutti i fori di curvatura, sono state effettuate riparazioni e incollaggi e sono stati copiati e montati al loro posto i pezzi mancanti. Alla fine della settimana è stato ripreso il trattamento antiquario e i mobili sono stati lasciati nel camion per tutto il fine settimana.

vecchi mobili

È seguita la colorazione. In origine i mobili erano neri, quindi l'aspetto è stato mantenuto. Per ottenere un colore intenso, è stato utilizzato l'inchiostro di seppia, come veniva colorato in passato. Si tratta di quel colorante naturale che le seppie rilasciano quando vengono attaccate o individuano una pervinca. Il colorante è intenso e macchia il legno quasi coprendo le venature. Quando si asciuga diventa di un colore grigio-bluastro che diventa nero quando viene verniciato.

vecchi mobili

Pronti per la colorazione, i mobili sono tornati sul camion per un altro fine settimana di soluzione antiquaria. E ancora controlli e stuccature per assicurarsi che non ci fossero buchi o vermi.

vecchi mobili

E poi è arrivato il momento della verniciatura, che è stata fatta con la gommalacca per ottenere quella speciale lucentezza di un tempo. Non è facile da lavorare e poche persone conoscono ancora le vecchie tecniche. Fortunatamente, l'azienda si avvale dei servizi di uno specialista del settore, il signor Iulian Burcică, che ha lavorato per più di 30 anni presso la fabbrica di strumenti musicali Doina, specializzandosi nel restauro dei pianoforti. Il signor Iulian è in pensione, ha 69 anni, ma continua a restaurare pianoforti e mobili di valore. Viene volentieri al lavoro e cerca di passare il testimone. Ha promesso di non andare in pensione prima di aver preparato un successore. A un certo punto gli ho detto che sono sicuro che conosce molte storie sui mobili e sui pianoforti che salva. "Romane", mi ha risposto. Abbiamo deciso di incontrarci al più presto per sederci e chiacchierare.

vecchi mobili

Ma torniamo all'applicazione della gommalacca. Per chi non lo sapesse, la gommalacca è una vernice naturale ottenuta dalla resina secreta da un insetto - il lac - presente in India e in Thailandia. La resina viene sciolta in varie proporzioni in alcol etilico. La gommalacca conferisce un aspetto molto bello ai mobili, solo che la tecnica di applicazione è difficile e impegnativa. E quando il legno è tinto di nero, un colore molto esigente, è ancora più difficile. È necessario applicare molte mani consecutive per ottenere la lucentezza a specchio.

vecchi mobili

Il salone Chippendale ha richiesto 60 mani di vernice e oltre 200 ore di lavoro. Per ottenere il risultato desiderato, la vernice è stata applicata con continui movimenti circolari utilizzando una sciarpa (un gomitolo di cotone e lana di lana inserito in un panno fine). Si è iniziato con strati sottili, aumentando leggermente di spessore a ogni strato. Il movimento circolare non deve essere interrotto perché altrimenti in quel punto compare un'ammaccatura. Dopo ogni strato la lacca è stata lasciata asciugare e poi carteggiata a mano. In questo modo sono stati realizzati tutti i pezzi del salone e non sono stati pochi.

vecchi mobili

Dopo molte settimane e 1.000 ore di lavoro effettivo per il salone, tutto era pronto. Al titolare sono state inviate le foto per vedere il risultato ed è stato anche invitato al workshop. In effetti, questo è il modo in cui funziona SaveMob. Il cliente può passare in laboratorio in qualsiasi momento per vedere le fasi intermedie del restauro e alla fine i mobili non escono finché il proprietario non dà il suo consenso. Una volta ricevuto l'ok, i mobili vengono imballati e trasportati a casa del cliente. Qui vengono anche disimballati e sistemati dai dipendenti dell'azienda. Questo è ciò che è successo con il salone Chippendale e i proprietari sono stati felici di essere circondati da mobili che ricordano la loro infanzia.

vecchi mobili

le foto dell'articolo sono di proprietà di SaveMob

Mihaela Radu

Mihaela Radu è un ingegnere chimico ma ha una passione per il legno. Lavora nel settore da più di 20 anni e la finitura del legno è ciò che l'ha definita in questo periodo. Ha acquisito esperienza lavorando in un istituto di ricerca, nella propria azienda e in una multinazionale. Vuole condividere continuamente la sua esperienza con chi ha la stessa passione, e non solo.

6 commenti

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Buongiorno signora Radu,
    Sono impressionato dalle informazioni che mettete a disposizione di chi è interessato all'arte del legno.
    Ho 72 anni - ingegnere navale, da 36 anni professore all'Accademia Navale Mircea cel Batran di Costanza, ma ho scoperto questa passione relativamente tardi, dopo diversi progetti di yacht in legno. Da allora mi interessa tutto ciò che significa tradizione nell'arte del legno.
    Ho avuto una prima esperienza quando ho restaurato un mobile da sala da pranzo - due vetrine, tavolo allungabile e sedie - fatto a Vienna intorno al 1914.Ho avuto difficoltà con il ricondizionamento con shelac.Brevi informazioni da siti web francesi.Ma tutti si riferivano ai loro materiali.
    Ho realizzato qualcosa, ma ora quando ho visto i vostri articoli mi sono reso conto che non sono solo in questa passione, e sicuramente ci sono molti altri sconosciuti.
    Per caso ho scoperto questa rivista e gli articoli in essa contenuti, ma non ho capito se la rivista è disponibile solo online o se posso acquistarla o abbonarmi.
    Spero che non si sia preoccupato troppo di quello che ha scritto.
    Con rispetto
    Professor Asimit Teodor.

    • Salve,
      Non ha dato alcun fastidio. Al contrario, mi sono divertito. La rivista è solo online. Ci sarà un'edizione stampata - un'edizione annuale da collezione - che apparirà in occasione della fiera del mobile BIFE SIM di Bucarest, che si terrà dal 13 al 17 settembre. La rivista sarà distribuita gratuitamente durante la fiera.
      Nella rivista online gli articoli appaiono quotidianamente. Ieri ho scritto sulla gommalacca. Trovare qui articolo.
      E sulle barche abbiamo avuto degli articoli. Avete qui se qui due di loro.
      Spero che troviate informazioni interessanti nella rivista e che continuiate a seguirci.
      Tutto il meglio!

  • L'intenditore che possiede tali mobili, che ne conosce il valore ed è disposto a pagare una fortuna per rimetterli a nuovo, non si rende conto che i suoi pezzi conservati si stanno deteriorando. Capisco che si tratta di un'introduzione al testo, ma sono sorpreso. Scusate, non sono riuscito a trattenermi, non è malizioso.

  • Tutta la stima alla signora Mihaela Radu per l'aiuto e la guida che offre agli amanti delle opere e dei restauri in legno. Le auguro tutto il bene del mondo e buona salute. Vorrei anche sapere quando verrà pubblicata una rivista specializzata perché mi occupo di restauri di mobili antichi ma soprattutto di oggetti in bronzo ottone argento oro. Con molta stima Viorel Ureche

    • Ciao!
      Grazie per l'apprezzamento e gli auguri! Buona salute anche a voi!
      È difficile recensire i consigli degli esperti in materia di restauro. Ci sono molti segreti professionali nel vostro mondo e pochi disposti a condividerli.
      Tutto il meglio!

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItalian