Come... - Finitura fai da te - Tecniche di finitura

I migliori prodotti per la protezione del legno utilizzato nelle aree verdi esterne

Ricevo quasi quotidianamente domande da parte di lettori interessati a come proteggere il loro legno all'aperto. E sui gruppi specializzati vedo quotidianamente domande di questo tipo. È solo che lì le opzioni proposte dagli altri membri del gruppo non sono sempre corrette e confondono precisamente l'interrogante. Non di rado ho visto raccomandazioni come la vernice alla nitrocellulosa o l'olio motore bruciato, che non sono soluzioni raccomandabili a causa della mancanza di resistenza o dell'elevata tossicità nel caso dell'olio bruciato. Per questo motivo ho pensato che sarebbe stata utile una presentazione di tutte le opzioni di finitura del legno utilizzate nei progetti per esterni. Si noti che la presentazione si riferisce ai prodotti che si possono trovare sul mercato rumeno, ai prodotti fai-da-te o a quelli dedicati ai professionisti.

protezione del legno utilizzato nella paesaggistica esterna

Ma prima di presentarlo, voglio ricordarvi che i prodotti per esterni devono proteggere il legno dall'acqua, dalle intemperie, dall'umidità dell'atmosfera e dalla luce del sole. L'acqua finisce per far marcire il legno e il sole cambia il colore della superficie in un grigio bluastro. Non confondete questo colore, che non mostra segni di malattia, con il colore del legno. grigio nerastro, con presenza di muffa. È molto importante che il legno scelto sia imputrescibile e che il sistema costruttivo non permetta all'acqua di ristagnare, ma faccia circolare l'aria. Scoprite cosa dovete fare per rendere la vostra costruzione in legno resistente alle intemperie. qui.

Oli naturali, la più antica forma di protezione

La protezione del legno con oli naturali è nota fin dall'antichità. Nel corso del tempo sono stati sostituiti da materiali sintetici, più facili da usare, più accessibili, più economici e più durevoli. Il ritorno ai materiali naturali negli ultimi tempi ha riportato gli oli alla ribalta, facendo riscoprire la bellezza del legno rifinito in questo modo.

Le varianti naturali per la finitura del legno esterno sono l'olio di lino, l'olio di tung e le loro miscele.

Olio di lino è più accessibilema la finitura non è molto durevole. Senza pigmenti aggiunti, non protegge il legno dalla luce solare (il legno cambia colore anche se oliato). Protegge solo dall'acqua, ma poiché è spălaIn caso di pioggia, la protezione non è duratura. Il vantaggio è che la verniciatura si effettua facilmente, senza rimuovere il vecchio rivestimento e senza carteggiare, semplicemente applicando un altro rivestimento. Se il tempo è molto piovoso e il legno è direttamente esposto alla pioggia, la verniciatura dovrà essere eseguita ogni 6 mesi, al massimo ogni anno.

Olio di tungsteno è molto più resistente, ma anche molto più costoso. Il suo colore più scuro lo rende anche resistente al sole e la sottile pellicola che forma sul legno lo rende più resistente all'acqua. A differenza dell'olio di lino, che non si asciuga a contatto con l'aria e non forma una pellicola, l'olio di tungsteno forma una pellicola sottile ma molto elastica e resistente (resiste anche all'acetone). Protegge molto bene il legno e la finitura dura per anni. L'olio di tungsteno naturale e puro, bollito e trattato per un'asciugatura più rapida, è costoso, mentre le varianti più economiche sono solitamente miscele con altri oli o sostanze.

Le miscele naturali più popolari dei due oli sono Olio danese e Oli Kreidezeit (è possibile acquistarli a buon prezzo anche su Mercato.Mercato). L'olio danese è un prodotto fabbricato da diverse aziende, il che comporta variazioni nella composizione. Più olio di tungsteno c'è nella composizione, più è buono, ma anche più costoso. Non tutte le varianti di olio danese sono resistenti all'esterno. La combinazione dei due oli è molto buona perché l'olio di lino penetra molto bene nel legno (ha una molecola di piccole dimensioni), proteggendolo dall'interno, mentre l'olio di tungsteno forma una pellicola e quindi l'acqua viene tenuta lontana, non lavando l'olio di lino dall'interno. Per la resistenza al sole si devono usare prodotti con una bassa percentuale di pigmenti.

Bruciatura a legna seguita da oliatura

La combustione superficiale è un metodo comune nelle zone rurali. In passato veniva utilizzata per proteggere le recinzioni o le assi utilizzate per costruire capannoni. Purtroppo, la combinazione della combustione con l'olio ha portato all'idea di utilizzare olio per motori bruciato per proteggere il legno, un prodotto tossico che non è raccomandato. Il metodo consigliato è la bruciatura superficiale del legno con una lampada a gas, seguita da spazzolatura e oliatura. La spazzolatura non mira a rimuovere completamente la bruciatura, ma solo le aree molto fragili. Dopo la spazzolatura si applica l'olio di lino. Il legno ottenuto è molto resistente all'esterno, sia all'acqua che al sole.

In Giappone questo metodo viene utilizzato da centinaia di anni per proteggere il legno esterno delle case. Si chiama Shou Sugi Bane prevede la combustione ripetuta del legno seguita da un raffreddamento improvviso con acqua. In questo modo si forma uno strato superficiale di carbone che resiste molto bene alla putrefazione. Una volta raggiunto il grado di combustione desiderato, il legno viene oliato. Il metodo è descritto in dettaglio qui.

protezione del legno utilizzato nella paesaggistica esterna
fonte: deltamillworks.com
Oli sintetici

Sul mercato esistono molte varianti di oli non naturali. Si tratta di miscele di oli minerali e oli sintetici o solo di oli sintetici. Gli oli minerali sono frazioni ottenute dalla raffinazione del petrolio e gli oli sintetici sono prodotti/resine ottenuti da reazioni chimiche. Sono più economici degli oli naturali e talvolta hanno una migliore resistenza nel tempo. Esistono in commercio oli sintetici di ottima qualità (Rubio monocoat, Borma Wax) che conferiscono al legno un aspetto gradevole e una buona resistenza nel tempo.

Catrame - legno per legno

Si tratta di catrame di legno, non del residuo della raffinazione del petrolio. Quest'ultimo, utilizzato per anni per proteggere i binari ferroviari in legno, è tossico e cancerogeno. Il catrame di legno veniva prodotto in passato anche come sottoprodotto della distillazione del legno di faggio. Si trova più nel commercio online che nei negozi di bricolage e proviene principalmente dai paesi nordici, ma anche dagli Stati Uniti e dall'Asia.

Il catrame di legno (soprattutto quello di pino) protegge il legno dall'acqua, dall'umidità e dagli insetti, comprese le termiti. È un liquido denso che deve essere riscaldato a 60°C per essere utilizzato. L'essiccazione è molto lenta e richiede diverse settimane, a seconda dell'umidità dell'aria e della temperatura. È 100% naturale, con un'ottima resistenza all'umidità e viene utilizzato anche per proteggere le imbarcazioni in legno. Le informazioni su come ottenere il catrame di legno sono disponibili al seguente indirizzo qui.

Cera idrosolubile - una variante di discreta resistenza

La cera all'acqua, nota come impregnante o cera all'acqua, è un prodotto consigliato soprattutto per gli oggetti in legno stagionali (sedie a sdraio, ombrelloni, ecc.) La sua resistenza raramente supera i 1-2 anni, ma è facile da ripristinare, proprio come l'olio. Poiché non filma, non è necessario rimuovere la vecchia mano, ma la rifinitura si effettua applicando una nuova mano.

È una buona opzione per la finitura del legno esterno protetto dalle intemperie e dal sole, come il legno di salvia, il legno di terrazze coperte e protette lateralmente, ecc.

Sistemi di finitura a base d'acqua

Sono sistemi perché prevedono l'applicazione di diversi prodotti in strati successivi, ognuno con un ruolo ben definito. Sono utilizzati principalmente in officine e fabbriche da professionisti, ma esistono anche versioni adatte al fai-da-te. Sono prodotti chimici e sintetici, la cui resina di base è acrilica, poliuretanica o combinata. Di solito si applicano tre strati, uno per colorare e/o protezione da insetti e funghi, una per garantire un'ottima adesione al legno (primer) e una per avere proprietà superficiali (lacca/verniceTali sistemi hanno generalmente un'ottima resistenza nel tempo, a condizione che la tecnologia sia rigorosamente rispettata. Come realizzare una finitura di questo tipo è descritto in dettaglio qui.

Ci sono tali sistemi per i quali il produttore parla di 12-15 anni di durata.. È la resistenza fino alla comparsa dei primi segni di degrado, le prime crepe nella pellicola. Il principale svantaggio dei sistemi filmogeni è la verniciatura, poiché il film deve essere completamente rimosso e il legno deve essere levigato. il bianco. Si consiglia quindi di prolungare la durata della finitura con trattamenti di manutenzione applicati ogni 3-4 anni. Sono facili da applicare con un panno o un pennello o anche a spruzzo.

 

Lazuri 3 in 1

Si tratta di sistemi semplificati destinati principalmente al mercato del fai-da-te. Cioè, l'intero sistema di cui sopra è ridotto a un unico prodotto che fa tutto quello che fanno gli altri tre. Va da sé che i risultati non sono gli stessi, si cerca solo di semplificare la procedura a scapito della qualità e della durata della pellicola. Il mercato offre sia prodotti 3-in-1 a base d'acqua sia a base di olio o alchidico.

Il vantaggio è la semplicità di applicazione, mentre gli svantaggi sono la scarsa resistenza nel tempo (generalmente 2-4 anni) e la formazione di una pellicola che comporta una difficile riapplicazione con sverniciatura e/o carteggiatura della superficie.

Vernice/vernice alchidica - la versione sintetica delle vernici a olio e a base di olio

I prodotti alchidici sono la versione sintetica dei prodotti a base di olio e hanno un aspetto simile. La loro comparsa sul mercato, molti anni fa, fu un grande successo perché offrivano una protezione simile a quella delle vernici a base di olio di lino a un prezzo molto più basso. Inoltre, potevano essere applicate su qualsiasi cosa: legno, metallo, pareti, all'interno o all'esterno. Sono prodotti che formano una pellicola e devono essere rimossi per la rifinitura, a differenza delle vernici a base di olio naturale.

La resistenza all'esterno dei prodotti alchidici è buona, ma il forte odore del solvente (acqua ragia, derivata dal petrolio) li rende meno utilizzati dei prodotti a base d'acqua. Inoltre, il prezzo è generalmente inferiore a quello dei prodotti a base d'acqua.

Impregnazione a pressione del legno

Un tempo era consuetudine far bollire il legno da esterno (ad esempio le finestre) in olio di lino per migliorarne la durata. L'alta temperatura rendeva l'olio più sottile e la bollitura eliminava l'acqua dal legno sostituendola con l'olio. Era un modo per impregnare il legno. Lo svantaggio era che l'olio si espandeva durante le calde giornate estive e le finestre iniziavano a piangere, cioè l'olio che cola da esse, spesso danneggiando la facciata della casa.

Oggi l'impregnazione avviene sotto vuoto o sotto pressione e si utilizzano prodotti che aumentano la resistenza del legno all'esterno senza il rischio che si stacchi quando la pressione cessa. Questo tipo di legno è consigliato per ponti e facciate, poiché la sua resistenza è molto buona. È un legno che si rifinisce, ma il suo degrado senza finitura è molto minore. Ulteriori informazioni sull'impregnazione qui.

L'aumento della resistenza del legno si ottiene anche con trattamenti che ne modificano la composizione o la densità. Circa Accoya, legno acetilato o Kebony, legno garantito per 30 anni all'esterno senza manutenzione, come ho già scritto. Ma in questi casi la resistenza deriva da trattamenti complicati, non dalla finitura.

protezione del legno utilizzato nella paesaggistica esterna

In conclusione

Se si desidera una finitura naturale, utilizzare olio di lino o di tungsteno o prodotti con questi oli come base. Controllare l'etichetta per verificare la presenza di additivi chimici. Seguite le istruzioni, il numero di mani e i tempi di attesa tra una mano e l'altra. Rifinite quando il legno è asciutto, cioè quando la brillantezza dell'olio scompare.

Le finiture ad alta resistenza sono date da sistemi professionali a strati successivi. Per ottenere questa durata, la tecnologia deve essere seguita con precisione. I materiali a base d'acqua hanno una buona resistenza e recentemente sono comparsi anche prodotti più rispettosi dell'ambiente e dell'uomo. Per prolungare la sua durata, la finitura deve essere mantenuta. Quando si procede alla verniciatura, è obbligatorio rimuovere completamente il vecchio rivestimento e partire da un legno pulito.

Spero di aver coperto tutti i sistemi attualmente in commercio. Mi riprometto di integrare il materiale in caso di novità. Spero anche che troviate il materiale utile. E se avete domande o dubbi, lasciateli nello spazio sottostante. Risponderò sicuramente.

Mihaela Radu

Mihaela Radu è un ingegnere chimico ma ha una passione per il legno. Lavora nel settore da più di 20 anni e la finitura del legno è ciò che l'ha definita in questo periodo. Ha acquisito esperienza lavorando in un istituto di ricerca, nella propria azienda e in una multinazionale. Vuole condividere continuamente la sua esperienza con chi ha la stessa passione, e non solo.

19 comentarii

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Salve. Ho acquistato una staccionata da giardino in pino che il venditore dice essere stata trattata, ma non dice con cosa e per cosa. Il legno è di colore naturale e vorrei verniciarlo di bianco. Ho una vernice opaca a base di resine alchidiche (kober opal) e vorrei sapere se devo applicare altri prodotti prima o dopo la verniciatura, per esempio olio di lino o primer per legno..... Se sì, quale sarebbe l'ordine? Grazie

    • Ciao!
      Se si tratta di legno per esterni, il trattamento potrebbe essere insetticida, il che è utile. L'olio di lino non è necessario e la vernice di fondo è necessaria solo se il produttore (Kober) la raccomanda (è possibile scaricare la scheda tecnica dal sito web dell'azienda). Altrimenti, sono sufficienti due mani di vernice.
      Tuttavia, è bene chiedere in cosa consiste tale trattamento per non avere problemi di incompatibilità tra gli strati. Ciò significa che non è stato applicato uno strato di materiale (ad esempio un sottile strato di primer a base d'acqua, che talvolta viene utilizzato) non compatibile con la vernice alchidica.
      Tutto il meglio!

  • Salve.
    Ho una recinzione e due balconi in pino installati nel 2019. Sono stati poi lavorati e rivestiti con una vernice all'acqua dal produttore (non conosco i dettagli).

    Nel frattempo non abbiamo fatto alcuna manutenzione e ora alcune tavole si sono crepate, in alcune zone la pellicola di vernice si è staccata e l'aspetto non è affatto piacevole.

    Quali soluzioni consiglia, sia in termini di prodotto da utilizzare che di metodo di applicazione?
    Grazie.

    • Buona sera!
      Io userei olio per esterni. Il grande vantaggio è che non forma una pellicola e non cola. Con il tempo viene "lavato" dalla pioggia e quando il legno diventa secco (il legno oliato sembra bagnato) si applica un'altra mano di olio senza rimuovere la vecchia mano.
      Poiché le tavole sono screpolate e la vernice si stacca, è necessario carteggiare tutto il legno e rimuovere la vecchia vernice, indipendentemente dalle soluzioni che si applicano successivamente. Se non viene rimossa, col tempo cadrà insieme a quella applicata sopra e non si lavorerà per nulla. Una volta ottenuto un legno pulito, applicare 2 mani di vernice per esterni a base di olio. I prodotti Kreidezeit hanno una buona resistenza e, se applicati correttamente, durano 4-5 anni senza manutenzione. Le vernici precolorate Kreidezeit, con descrizione e istruzioni per l'applicazione, si trovano qui.
      Applicare con un pennello o un pennello a rullo resistente ai solventi. Può essere applicato anche con una pistola a spruzzo, ma la diluizione deve essere aumentata e le perdite di materiale sono maggiori.
      Potete trovare informazioni sui laghi Kredezeit anche nel link sottostante.
      https://revistadinlemn.ro/2020/07/02/lazuri-kreidezeit-pe-baza-de-ulei-pentru-finisaj-exterior-natural-si-rezistent/

  • Salve. Seguo gli articoli della vostra rivista, compreso questo articolo a cui fate riferimento. Vorrei però, in particolare, conoscere la sua opinione in merito alla protezione di alcune persiane in rovere dall'umidità e soprattutto dai raggi UV. Ho provato l'impregnante ICA e la loro migliore vernice all'acqua, ma il risultato è stato che dopo più di un anno, su superfici orizzontali, esposte alla luce del sole, la vernice si è staccata, il colore del legno è diventato quasi nero. Da quello che ho capito, la sua preferenza sarebbe per gli oli, ma che tipo di oli consiglia? Inoltre, le vernici a base di olio rientrano nella stessa categoria? Grazie in anticipo.

    • Ciao!
      Grazie per averci seguito!
      In effetti, preferisco l'olio e lo consiglio soprattutto perché è facile da applicare e da mantenere. I prodotti professionali, come quelli a marchio ICA, hanno criteri di applicazione più severi e raggiungono prestazioni elevate, soprattutto se applicati in stabilimenti che utilizzano tecnologie ben sviluppate. Di seguito un esempio di finitura di una finestra con prodotti ICA.
      Nel caso delle persiane, l'acqua non è certamente defluita bene nelle zone orizzontali e ha accelerato lo scrostamento della vernice. Il colore quasi nero che è comparso è dovuto alla muffa che si è insediata ed è favorita dall'aumento dell'umidità. Il legno cambia colore alla luce UV, ma il colore risultante è grigio-bluastro, non nero. Pulite le zone nere con prodotti antimuffa perché c'è il rischio che il legno marcisca. È possibile utilizzare una candeggina a base di cloro. L'ipoclorito di sodio è un nemico della muffa.
      Il colore nero sul rovere può anche essere dovuto al tannino del rovere a contatto con l'acqua e il metallo. Nel caso di finiture all'acqua, si consiglia di applicare prima un rivestimento isolante che blocchi il tannino all'interno.
      Gli oli con cui preferisco lavorare sono l'olio di tung, l'olio danese e le lazine Kreidezeit (link alla fine). Sono materiali che proteggono bene e "dicono" quando è necessario riverniciare. Con il tempo il legno perde la lucentezza dell'olio che lo fa sembrare umido e assume un aspetto secco. Questo è il segnale che è necessario applicare un'altra mano di olio. Gli oli utilizzati all'esterno devono avere una piccola percentuale di pigmento per resistere ai raggi UV. Gli oli completamente trasparenti non sono consigliati.
      Le vernici a base di olio rientrano nella stessa categoria degli oli, ma sono ancora più resistenti nel tempo grazie al loro maggiore contenuto di pigmenti. Una variante sintetica di queste vernici è la vernice alchidica. Si comportano allo stesso modo, ma al posto dell'olio di lino contengono oli minerali (ottenuti dalla lavorazione del petrolio) e persino oli sintetici.
      Seguire le istruzioni di applicazione del produttore, i tempi di asciugatura o i metodi di carteggiatura sono importanti quanto il prodotto stesso. A volte la scarsa resistenza delle finiture è dovuta a errori di applicazione e non ai prodotti, che finiamo per incolpare.
      Spero che questo sia stato utile.
      Tutto il meglio!
      https://www.youtube.com/watch?v=Rk2uolQmOac&t=52s
      https://revistadinlemn.ro/2020/06/10/uleiul-de-tung-uleiul-pentru-lemn-care-face-pelicula-si-rezista-foarte-bine-la-umezeala/
      https://revistadinlemn.ro/2020/07/02/lazuri-kreidezeit-pe-baza-de-ulei-pentru-finisaj-exterior-natural-si-rezistent/
      https://revistadinlemn.ro/2018/01/15/danish-oil-ulei-finisare-lemn/

      • Salve,
        La ringrazio molto per la sua pronta risposta. Nel frattempo mi sono informato e ho contattato coloro che commercializzano le lacche Sikkens. Senza pubblicità, ho capito che è anche un prodotto a base di olio e vorrei provarlo. L'unico dilemma che ho è che da un lato ho dei fondini già trattati con ICA, che dovrò pulire di nuovo, e dall'altro ho dei cerchi per imposte rifatti da zero, dove ci saranno sicuramente delle differenze di tonalità.
        Eseguirò alcuni test.
        Mi è stato consigliato di usare il sikkens cetol hls plus. Conoscete questi prodotti e vi siete fatti un'opinione?
        Grazie,
        Adrian

        • Ciao!
          Sikkens è una buona marca. La vernice è una vernice alchidica, sulla stessa base delle vernici alchidiche che ho citato. Per utilizzarla è necessario pulire molto bene la vernice all'acqua utilizzata, perché non vanno d'accordo. Applicata sulle aree in cui è ancora presente la vecchia pellicola, si screpolerà.
          Per un buon risultato seguire esattamente la tecnologia. Anche Sikkens è un marchio professionale, come ICA.
          Buona fortuna!

  • Gentile signora ingegnere,
    Nell'immediato futuro ricostruiremo la recinzione in legno della proprietà di campagna con una completamente nuova. Anche la recinzione sarà in legno (lunga circa 70 m). Siamo sotto pressione per completarla il prima possibile e, nel fare ricerche su come trattare il legno per renderlo più resistente ai fattori ambientali, ci siamo resi conto di non aver considerato una serie di aspetti molto importanti. Divago per ringraziarvi e complimentarmi per gli articoli estremamente utili e interessanti, senza i quali sarebbe stato quasi impossibile per me apprendere così tante informazioni in così poco tempo!
    Tornando alla nostra situazione, abbiamo già ordinato il legname per i biancospini (legno di abete), ma non abbiamo tenuto conto del fatto che il legno non è essiccato e non è piallato. Per gli elementi di sostegno e resistenza (pali e foglie), abbiamo utilizzato il salice da cortile, ma tutto l'abbattimento è stato fatto quest'estate.
    In queste condizioni (legno bagnato), cosa si potrebbe fare per aumentare la resistenza della recinzione? Vorrei sapere se l'uluca va piallata e se può essere utile una bruciatura superficiale, seguita da un trattamento con olio di lino (bollito o spigato), nella misura in cui viene assorbito, seguendo i passaggi descritti nell'articolo. Possiamo sperare che dopo un anno all'aria aperta (ma anche esposto alle intemperie, purtroppo), il legno si asciughi e possa essere trattato con un colorante per legno (per esempio Kreidezeit) l'estate/autunno successivo?
    Per quanto riguarda i pali, le estremità che andranno nel terreno saranno bruciate, ma vorrei sapere se la bruciatura può essere fatta anche con un bruciatore a gas (con una bombola) o se è necessaria una bruciatura un po' più profonda (se è più efficiente tenerli nel fuoco). Vorrei anche sapere se ha senso bruciarli fino in fondo, anche per aumentare la resistenza all'umidità.
    Vi ringraziamo in anticipo per il vostro supporto e il vostro tempo e qualsiasi altro consiglio o suggerimento è ben accetto!

  • Salve! Ho dato al parquet di rovere l'olio rubiomonocoat, ma non riesco a trovare da nessuna parte se posso applicarlo di nuovo, mi sembra che il legno abbia assorbito tutto e non abbia nessuna lucentezza. Devo dare ancora una volta l'olio? Grazie per qualsiasi chiarimento.

    • Ciao!
      Non ho lavorato con Rubio Monocoat. Da quello che ho letto e visto in rete, si applica una mano, in eccesso, si lascia che il legno assorba la quantità necessaria, poi si elimina l'eccesso Per lucidare, lucidare.
      Un altro strato non aderisce più a quello vecchio. Se leggete i materiali sulla riparazione dei graffi, vedrete che l'olio aderisce al legno solo dove il vecchio strato è stato rimosso (graffiatura, carteggiatura). Sullo strato di olio esistente, l'olio appena applicato può essere eliminato senza alterare in alcun modo l'aspetto estetico.
      Il mio parere è che non si debba dare un'altra mano, ma solo lucidare quella già applicata. Una nuova mano farebbe presa solo se il legno fosse ancora in grado di assorbirla.
      Vi consiglio inoltre di chiedere consiglio ai rappresentanti di Rubio Monocoat.
      Tutto il meglio!

  • Salve,

    Inizio col dire che ho letto molto del vostro materiale e vi ringrazio per aver fornito le informazioni più dettagliate e complete.

    Di me posso dire che ho scoperto di amare la lavorazione del legno un anno fa, quando ho costruito una casetta sospesa in legno per la mia bambina. Nel corso del lavoro ho anche acquistato vari elettroutensili necessari.

    Ora ho una nuova sfida, ho una casa in costruzione ed entro la fine dell'anno deve essere finita in rosso, compreso il tetto. È su due livelli e tutto il lato posteriore ha due terrazze sovrapposte di 25mq ciascuna. Poiché ci piace il legno, vogliamo realizzare le balaustre in legno. La parte superiore sarà in legno, compresi i quattro pali di sostegno del tetto a capanna. La terrazza al piano terra ha pilastri in cemento armato, anche il pavimento tra le due terrazze è in cemento.
    I quattro pali del primo piano saranno realizzati con legno lamellare di pino essiccato di 15x15 cm. Il resto del legno, cioè le travi e le capriate che rimarranno a vista (sopra la terrazza al piano superiore), sarà legno di abete verde acquistato una settimana fa. Naturalmente, saranno tutti tirati al carro funebre dal costruttore, prima del montaggio.
    Finirò il rivestimento apparente sul lato destro della terrazza, sarà fatto di legno di pino largo 15 cm che tirerò a spessore e lo segherò. Questo listello è stato acquistato un mese fa ed è stato lasciato asciugare, con un sorso tra ogni fila.
    Non ho intenzione di montare le ringhiere ora. Comprerò comunque del legname di pino e lo lascerò asciugare per almeno un anno, poi lo lavorerò e lo levigherò io stesso.
    La casa si trova su una collina, il lato con le terrazze è a est, esattamente nella direzione da cui soffiano venti molto forti. La finitura finale del legno sarà trasparente, probabilmente qualcosa che imita il rovere chiaro.

    Il problema che sto incontrando ora è che devo proteggere il legno per circa 2 anni quando continuerò a finire la casa. Non vorrei che diventasse così grigio per poi doverlo carteggiare di nuovo.
    Da quello che ho letto finora dai vostri materiali, sarebbe bene usare il Danuish Oil o il Kreidezeit lazura. Eventualmente dare una prima mano quest'anno con una vernice trasparente che permetta anche al legno di asciugarsi senza rischio di scrostature. Mi sarebbe piaciuto usare le vernici che si trovano su tutte le strade (sarebbe stata un'opzione più economica per me), alchidiche o all'acqua. Ma penso che se il legno non è ancora asciutto, tutto ciò che applico ora si screpolerà l'anno prossimo quando il legno si asciugherà.

    Le chiedo, quando ha tempo, di fornirmi una o più opzioni/prodotti per il mio caso.
    Grazie mille!

    • Ciao!
      Grazie per il vostro apprezzamento!
      Per proteggere il legno per un breve periodo, la soluzione migliore è l'olio. Per evitare che il legno diventi grigio e debba essere carteggiato, l'olio deve contenere una piccola quantità di pigmento. L'aspetto sarà semitrasparente.
      Io userei lo strutto Kreidezeit. Dato che non sai quando dovrai riverniciare, è rischioso usare un olio di lino pigmentato che le piogge possono "lavare via" in 6 mesi. La vernice è più resistente perché è una miscela di olio di lino e olio di tungsteno, ma è meglio che il legno sia asciutto il più possibile perché altrimenti assorbe un po' e sarà più facile da rimuovere. Si può lasciare una sola mano. Vedrete quando le piogge lo rimuoveranno perché il legno perde la sua lucentezza oleosa e diventa secco. Se non si applica un'altra mano per proteggerlo, il colore del legno inizierà gradualmente a cambiare in un grigio bluastro.
      Il mio consiglio è di utilizzare legno il più possibile asciutto (max. 18-20% di umidità). Il legno verde è piuttosto duro, soprattutto l'abete, e possono verificarsi deformazioni, fessurazioni e ritiri.
      Buona fortuna!

      • Grazie mille per i suggerimenti!

        Vorrei procedere come segue, se questo è corretto:
        -Applicare un'esca per evidenziare il motivo del legno e sperare di trovare una tonalità simile a quella del faggio.
        -Applico olio di lino cotto o olio piccante per proteggere dall'umidità fino alla stesura della mano finale.
        -Tra un anno applicherò la liscivia incolore di Kreidezeit o il Decking Oil HD (olio danese) di Borma wachs.

        Se puoi dirmelo:
        1. il bagno è sufficiente per la protezione dai raggi UV?
        2. L'olio di lino sicativato, non so se rende il film rigido, o se permette la successiva applicazione della vernice Kreidezeit, o dell'olio HD Decking?
        3. Sarebbe meglio combinare l'olio di lino con un po' di pigmento e non applicare il bagno?

        Cordiali saluti,
        Adrian

        • Buona sera!
          1. Per essere sufficiente, la vasca deve essere progettata appositamente per l'uso all'esterno e deve essere resistente ai raggi UV.
          2. È possibile applicare Kreidezeit o olio danese sopra l'olio di lino piccante/caldo.
          3. L'olio combinato con il pigmento è più resistente del bagno. Ma non dimenticate che l'olio di lino viene lavato via abbastanza rapidamente dagli agenti atmosferici, soprattutto se si tratta di una zona piovosa. Provate a riverniciare dopo un anno o quando vedete che il legno si sta seccando e l'olio pigmentato sembra essere sparito.
          Buona fortuna!

  • Bună ziua,am o întrebare și eu ,cineva m-a sfătuit să dau asterialul cu ulei ars la casă.
    Întrebarea mea este cu ce îmi poate afecta sau dacă este bun
    Vă mulțumesc

    • Buona sera!
      Nu este o recomandare bună. Uleiul ars de motor este toxic, periculos pentru sănătate. Am mai auzit de astfel de recomandări făcute doar pentru că oamenii nu știu ce probleme pot avea. Îl văd doar ca pe un ulei pe care este păcat sa-l arunci. Este însă plin de compuși rezultați în urma arderii, cu foarte mare potențial cancerigen.
      Pentru astereală puteți folosi ulei de in fiert sau secativat pe care îl găsiți în orice magazin de bricolaj la un preț decent.
      Buona fortuna!

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItaliano