Specie legnose

Acacia, una delle specie di legno più resistenti all'esterno

Sebbene possa sembrare una specie minore, le proprietà del legno d'acacia lo collocano accanto a specie molto più apprezzate come il paltin e nuc. Il suo scarso utilizzo nell'arredamento di interni l'ha resa meno nota e di conseguenza è stata trattata come una specie inferiore. Tuttavia, l'acacia è una delle specie più resistenti all'umidità e al decadimento, essendo classificata appena al di sotto delemnul de tec. Sebbene sia conosciuta più che altro come legno strutturale per strutture resistenti, l'acacia ha una consistenza e un colore caratteristici e viene spesso utilizzata per mobili da giardino, decking e pavimenti. Per saperne di più sull'acacia e sul suo legno forte, tenace e resiliente.

legno di acacia
allestimenti esterni
fonte: blacklocustlumber.com

Ricordi di legno d'acacia

La prima volta che ho lavorato con il legno di acacia è stato prima della rivoluzione, quando ero all'ICPIL (Istituto per la Ricerca e il Design nell'Industria del Legno). L'acacia non mi era nuova, perché mia nonna aveva degli alberi di acacia in campagna, vicino al recinto, per i quali spesso entrava in conflitto con i vicini. Loro volevano tagliarle perché facevano ombra e rallentavano le coltivazioni, mia nonna non voleva perché era un buon legno per la resistenza strutturale e le teneva per eventuali costruzioni. Oltre all'idea che potessero essere usati per le costruzioni, avevo anche in mente il loro profumo quando fiorivano, le punte, ariose e affilate, e così via.

All'istituto, tuttavia, l'ho scoperto da un altro punto di vista. Il tema su cui lavoravo doveva portare nuove specie nella produzione di mobili. L'acacia era una di queste. Così ho avuto modo di vedere come sono fatti i masselli e le impiallacciature di acacia e sono rimasto colpito da quanti colori si possono trovare in un unico legno. Sullo stesso pezzo si potevano trovare sfumature di giallo verdastro, verde, marrone e persino viola. È stato un vero piacere guardarlo.

legno di acacia
fiori di salamino
fonte foto: commons.wikimedia.org

Un albero resistente e a crescita rapida

L'acacia (Robinia pseudoacacia) è originaria del Nord America. Nel XVII secolo è stata portata in Europa e 200 anni dopo sono stati coltivati i primi alberi di acacia in Oltenia. Oggi si trova soprattutto sugli altopiani, in zone sabbiose. Cresce più velocemente di altre specie e resiste bene alla siccità, ed è spesso considerata invasiva. Si trova come robinia nella letteratura in inglese e acacia in francese, italiano e spagnolo. In tedesco è akazie, robinie o akazieholz (legno di acacia).

Le radici dell'acacia si estendono molto in orizzontale, raggiungendo lunghe distanze. Il tronco cresce dritto con una corona stretta e può raggiungere altezze di 20-30 m e diametri del tronco compresi tra 0,6 e 1,2 m. La corteccia è nera con iridescenze variabili e presenta profonde fessure lungo il tronco che si incrociano a forma di diamante. I rami sono disposti a zig-zag e sono ricoperti in gioventù da una peluria bianco-argentea che scompare col tempo. I giovani alberi hanno spine che diventano sempre meno man mano che l'albero matura. Le foglie sono verde-bluastro scuro e sono raggruppate da 9 a 19, alternativamente, sul ramo. I fiori compaiono all'inizio di maggio, sono generalmente bianco-crema, disposti in grappoli di 10-20 cm e hanno un profumo forte e molto gradevole. Il frutto è un baccello liscio lungo 5-10 cm e largo 1-1,5 cm.

L'acacia cresce velocemente ed è molto resistente alle condizioni avverse. In passato veniva spesso piantata ai confini tra gli appezzamenti, utile in inverno come frangivento, ma anche per fissare il terreno e prevenire la desertificazione. L'acacia vive circa 100 anni, ma singole specie in parchi e giardini possono vivere fino a 200 anni.

legno di acacia
sezione
fonte: turningblanks.net

Il legno di acacia: caratteristiche e proprietà

In sezione trasversale del tronco è ben visibile la delimitazione tra alburno e durame. Il colore dell'alburno è bianco-giallastro, mentre quello del durame può variare dal giallo-verde chiaro al marrone scuro. Più il colore è scuro, più l'albero è maturo. Gli anelli annuali sono chiaramente visibili.

La fibra è generalmente diritta e la tessitura da media. a grossolana. I pori sono rotondi, più grandi e disposti in gruppi di 2-3 nel legno precoce e più piccoli e disposti in gruppi o strisce nel legno tardivo. I pori contengono abbondanti piastrelle. I raggi midollari sono da stretti a medi, normalmente distanziati, il legno non presenta specchiature. In sezione tangenziale assomiglia molto alla quercia, ma con colori diversi.

Il legno di acacia è forte e flessibile, con una struttura densa. La densità (allo stato anidro) è di 770 kg/m³ e la durezza Janka 7560 N. La presenza di tegole nei vasi in gran numero rende l'essiccazione molto lenta, ma influisce in modo decisivo sulla resistenza dell'acacia all'umidità e alla putrefazione. L'acacia è molto resistente all'esterno, posizionandosi appena sotto il teak (classe di resistenza 1-2). L'alta densità e la durezza rendono più difficile la lavorazione, con la possibilità di rompere gli utensili. Si gira bene e può essere modellata a vapore. Si incolla senza problemi.

Ha un elevato contenuto di coloranti e tannini idrosolubili che possono causare problemi di finitura, soprattutto se i prodotti sono solubili in acqua. L'acqua rimuove i coloranti e i tannini e modifica il colore di mordenti e vernici. A causa del basso assorbimento, a volte può dare problemi di adesione.

L'acacia ha un potere calorifico molto elevato, paragonabile a quello dell'antracite. Brucia a fiamma bassa, lentamente, proprio come il carbone. Brucia ed emette calore anche se è verde (incombusta).

legno di acacia
sezione trasversale
fonte: fld.czu.cz
legno di acacia
fonte: delta-intkey.com

Un legno dai molteplici usi

La durezza, l'alta densità, la resistenza e l'elasticità fanno dell'acacia un ottimo materiale da costruzione. Può essere utilizzata in strutture portanti e subito dopo l'abbattimento, poiché si asciuga lentamente e non ha ripercussioni sulla resistenza della costruzione. La buona resistenza all'umidità e alla marcescenza rende l'acacia un materiale adatto per la realizzazione di giardini all'aperto, decking, recinzioni e pavimentazioni. Inoltre, l'ottima resistenza alla putrefazione la rende adatta ai tutori (aratri) utilizzati su alberi da frutto e viti.

È una delle specie preferite per i mobili da giardino. La finitura viene eseguita principalmente con oli resistente all'esterno. L'uso di vernici non è una buona scelta a causa del ridotto assorbimento che porta a una minore adesione.

Viene utilizzato raramente nella produzione di mobili per interni e solo da artigiani appassionati, non nell'industria della produzione di massa. Viene utilizzato principalmente come massello, poiché il taglio dell'impiallacciatura è molto difficile. Ci sono dati che dicono che la resa in impiallacciatura è di 10%. Per la lavorazione ha bisogno di utensili molto affilati e di una finitura molto accurata.

L'acacia viene utilizzata anche per la produzione di botti. Tuttavia, è necessario prestare molta attenzione ai liquori che vengono messi all'interno, poiché all'inizio rilasciano molto tannino. Una bevanda lasciata all'interno per molto tempo rischia di diventare viola o verde scuro.

Con un potere calorifico molto elevato, l'acacia è un'ottima legna da ardere. Tuttavia, non è consigliata per i caminetti aperti perché si spacca durante la combustione e getta lontano le braci ardenti.

Oltre che per il legname, l'acacia è importante per la stabilizzazione del suolo e per il rimboschimento rapido. I fiori di acacia sono anche un'importante fonte di nettare per le api e il miele di acacia è molto apprezzato. Dai fiori di acacia si ricava anche uno sciroppo dai molteplici benefici per la salute. Viene utilizzato per calmare la tosse e il mal di gola e ha proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche e antitosse. I fiori d'acacia vengono utilizzati anche in cucina per preparare frittelle e dolci vari e per preparare la marmellata di acacia.

legno di acacia
decking
fonte: sectlandscaping.com
legno di acacia
mobili da giardino
fonte: rimini.subito-italia.eu
legno di acacia
doga di botte
fonte: ecwbny.com

Spero che queste informazioni vi siano utili. Come sempre, le aggiunte sono benvenute. E se avete domande o dubbi, lasciateli nello spazio sottostante. Sicuramente risponderò.

Mihaela Radu

Mihaela Radu è un ingegnere chimico ma ha una passione per il legno. Lavora nel settore da più di 20 anni e la finitura del legno è ciò che l'ha definita in questo periodo. Ha acquisito esperienza lavorando in un istituto di ricerca, nella propria azienda e in una multinazionale. Vuole condividere continuamente la sua esperienza con chi ha la stessa passione, e non solo.

33 commenti

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Signora Mihaela Radu, ho una domanda: nel libro dell'Esodo (la Bibbia) al cap. 26, versetti 15 e 16, si parla di alcune tavole di acacia con cui era stato costruito il Tabernacolo. 26, versetti 15 e 16, si parla di alcune tavole di acacia con cui fu costruito il Tabernacolo. Le dimensioni delle tavole sono indicate come 10 cubiti (5 m) - lunghezza e 1,5 cubiti (0,75 m) - larghezza... e sto pensando a quanto potesse essere grande quella specie di acacia (sitim - Ebr.). Qualche idea? Sono un architetto e ho bisogno di queste informazioni per uno studio. Grazie in anticipo.

    • Salve. Per quanto ne so, il salcam è una specie originaria dell'America, quindi quella citata nella Bibbia dovrebbe essere un'altra specie, non la Robinia pseudoacacia. Tuttavia, se si trattasse di un salcam, non sarebbe difficile ottenere tali assi perché il salcam può raggiungere oltre 50 m di altezza, con un diametro di oltre 1,5 m, e il suo tronco è dritto. Un calcolo esatto potrebbe essere fatto da un ingegnere del legno. Io sono solo un ingegnere chimico appassionato di legno e di finitura del legno e non voglio darvi informazioni sbagliate. 🙂
      Tutto il meglio.

  • Grazie mille per l'articolo, amo il Salcam è l'albero del mio cuore e lo amo molto, il legno di cui parlare, lo lavoro e mi dà gioia :).Da cinque anni, nella mia vita quotidiana, faccio frittelle di fiori, piante e semi, per il bagno, è la mia passione e attività e mi sono sempre chiesta di fare frittelle per il bagno dalla corteccia dell'albero, ma le informazioni o gli studi sulle proprietà della corteccia dell'albero non si trovano troppo, avete conoscenza o accesso a informazioni su questo? Grazie.

  • Sono riuscito a realizzare un gazebo in legno d'acacia, voglio dirvi che ho "smontato" un fienile/portico che era stato costruito dal 1949 all'esterno nel cortile, ricoperto di tegole rotte. I pali di spessore compreso tra 120mm e 140mm li ho utilizzati per la struttura inferiore del gazebo e non solo.
    Quello che voglio dirvi è che quei pali erano interrati rispettivamente 600mm e 60 cm, li ho tirati fuori interi con difficoltà, ho pulito le parti che erano in terra e sono rimasto sorpreso nello scoprire che avevano ancora circa 6cm di legno buono.Ho insistito nel pulire e scrostare il salcam, e dopo aver scrostato in alcune parti che erano state esposte all'umidità per decenni ho scoperto qualcosa di straordinario, era mangiato dalla carie, cioè da alcuni vermi bianchi che hanno lasciato tracce/solchi in tutto il loro spessore.
    Non mi sono arreso e ho pulito con cura ogni singola particella di quel legno, vorrei davvero inviarvi (o postare qui ma non so come) alcune foto di pezzi unici di acacia, dovete vedere le immagini per rendervi conto di cosa sto parlando.
    Voglio ricordare che tutte le giunzioni sono state smussate, preforate con frese metalliche da 3 mm e poi, con urgenza, pazienza e precisione, abbiamo piantato i chiodi in quei fori.
    Sarei lieto se voleste che vi inviassi delle foto per vedere il legno di circa 67 anni che sono riuscito a prolungare la sua vita.

    • Per favore, inviatele. Potete farlo al mio indirizzo e-mail, mihaela.radu@cesbrands.ro, o postate sulla pagina Facebook della rivista (Wood Magazine). Non potete immaginare quanto mi piaccia l'entusiasmo che traspare dai vostri testi e il fatto di poter discutere con persone che hanno la mia stessa passione. Vi ringrazio e vi contatterò dopo aver ricevuto le foto per condividere le mie impressioni.

        • Grazie per le foto. Hai fatto un bel po' di lavoro, ma l'aspetto è fantastico. Complimenti! Anch'io sto aspettando che tu lo finisca e mi mandi le foto. Mi piacerebbe, quando sarà finito, fare un articolo sul passaggio del salcam dalla vecchia "vita" di colombaia alla nuova vita di gazebo. Avete anche delle foto della colombaia (mi piace molto questo termine. Mia nonna era originaria di Urziceni e lo diceva sempre. Non lo sento da molto tempo)? Penso che sarebbe un ottimo articolo. 🙂
          Buona fortuna per il futuro!
          Tutto il meglio.

          • Ho anche delle foto del vecchio porumbar, dove si tenevano legna, mais, canne (perché nel giardino c'è un enorme "nido" di canne piantato apposta per usarne le foglie per le botti di vino), sotto questo sopron/magazzino/porumbar c'è anche un forno per il pane, che restaurerò e sposterò nella nuova sede.
            Per quanto riguarda il gazebo, spero di finirlo al più presto (almeno la copertura che sarà una volta con la scandura data con olio di lino e sopra tegole bituminose).
            Ho cercato di realizzare la copertura in canna, papura o dranita (scandole), ma trovando due fonti sono giunto alla conclusione che il prezzo della canna di 50E/mq è eccessivo.
            Sto ancora decidendo come fare le tegole, sarebbe bello e rustico con le tegole ma ho bisogno di tempo per fare le migliaia di pezzi che devono coprire circa 25mq (l'area del patio).
            Comunque vi terrò aggiornati, grazie mille per la proposta di articolo, sarò lieto di descrivere ciò che mi piace fare.
            Buona giornata!
            -p.s. - Ho intenzione di realizzare un affumicatore da una vecchia botte di rovere da 400L non più funzionante, il progetto con tutto il necessario è sulla carta, mi serve solo un po' di tempo, ma vi terrò aggiornati.

          • Ora mi sono accorto che ho scritto botte di rovere...è una botte in legno di salcam, avrà almeno 50 anni.Ho diverse botti di questo tipo ma quella in disuso ho intenzione di trasformarla, è già stata ben pulita con una spazzola metallica, olio a due mani, poi il lardo di palissandro, è venuta molto scura, l'interno è bruciato (dall'origine), sono pronto a fare un altro coperchio e tutto quello che mi serve per l'affumicatore, vedrete !
            Non dico altro, sono solo impaziente!

          • Mi sono lasciata prendere dal vostro entusiasmo e non vedo l'ora che completiate il gazebo per poterne scrivere. Mi sto iscrivendo e sto aspettando notizie sui fumatori. Auguri a tutti!

          • Sarumana, questa domenica 4 giugno abbiamo terminato il gazebo.
            Vi mando le foto, ho scritto tutti i dettagli, esattamente come ho fatto, comprese quante viti, chiodi per tegole, ecc. sono stati inseriti, i prezzi e tutto il resto!
            Non vedo l'ora di sentirvi!

  • Un articolo interessante, sappiamo che il legno di acacia è molto duro e resiste bene all'esterno, ma sarebbe interessante scoprire come si comporta nel tempo quando si trova all'esterno sotto l'azione degli agenti atmosferici. Si deforma, si contorce, è stabile dal punto di vista dimensionale, si crepa? Mi interessa perché vorrei "pavimentare" i camminamenti del mio cortile con mobili in acacia e ho sentito pareri contrari all'uso dell'acacia in questo tipo di lavori perché si torcerebbe. Grazie

    • Infatti, può deformarsi e creparsi. Quando l'umidità esterna è molto bassa (inverno in periodi molto freddi, quando l'umidità dell'aria si congela e cade a terra - cicerchia), l'umidità del legno tende a uscire. Essendo molto duro, le tensioni sono elevate e quindi si formano crepe o deformazioni. Dipende da come si vuole pavimentare il giardino. Se si posano armadietti lunghi, la probabilità di crepe è più alta. Se si utilizzano pezzi di legno più sottili e corti, si elimina il problema della deformazione e le crepe saranno piccole (se presenti).
      Tutto il meglio.

      • Grazie per la risposta, i pezzi saranno lunghi circa 1,3 m, quindi non molto lunghi. Mi sembra di capire che sarebbe meglio scegliere un tavolato e non un mobile. Come trattamento mi ha consigliato qualcosa di specifico?
        Grazie,
        Tutto il meglio

        • Credo che la soluzione migliore per i salami utilizzati direttamente a terra sia la finitura ad olio. L'olio di lino è un'opzione. Dovrebbe essere applicato in più mani in modo che il legno ne assorba il più possibile. In questo modo sarà più protetto dall'umidità. Buona fortuna!

          • Ok, grazie per i consigli. Non poggeranno direttamente sul terreno, le passerelle sono in cemento e le tavole verranno fissate meccanicamente (vite inox+diblu) ad esse. Tra le tavole e il cemento vorrei mettere dei distanziatori di plastica di 2-3 mm. E tra le tavole vorrei lasciare uno spazio di 2-3 mm.

  • per quanto riguarda il comportamento del decking: da molti anni promuovo questo prodotto rumeno
    Abbiamo realizzato tutti i tipi di rivestimento: decking, decking su basi in plastica (PE). rivestimenti
    abbiamo trovato quanto segue:

    legno secco:
    -Le tavole lunghe 1500-2000 mm sono curvate di 10-20 mm, effetto "yatagan".
    camma percentuale 20%
    -Se le viti sono economiche e si corrodono in 4 anni, rompetele.
    -20x60x800 mm lastre bloccate su basi in plastica 400×400 mm curve circa 5%
    20x60x400 nessuno curvo

    quindi: se vi piacciono le tavole lunghe (ed è normale che vi piacciano) non risparmiate sulle viti
    montato con chiodi da decking che non arrugginiscono

    legno verde: si muove dappertutto, se non volete che si crepi, sigillate le estremità con cera o vernice

    non scoraggiatevi: ordinate qualche altra tavola e sostituite quelle che si piegano
    ne vale la pena

  • montaggio a terra: nel manuale tecnico si legge che dura 45 anni a contatto con il terreno
    Brucio la parte inferiore con una lampada a gas;
    chissà che non vivano 100 anni 🙂

  • Per quanto ami il salcam (per il colore e la consistenza, che secondo me sono spettacolari quando vengono lucidati - non so perché qualcuno dovrebbe mettere qualcosa di diverso da un po' di olio sul salcam), non è il più duro dei legni locali. È forse il legno autoctono più duro che è disponibile in grandi quantità e che si presta ad essere utilizzato per cose più grandi, come mobili, gazebo o pavimenti per terrazze. Un legno molto più duro (se essiccato correttamente) è il legno di corno. Purtroppo è estremamente difficile da trovare e di solito viene utilizzato per piccoli oggetti, in genere manici di martello o di ascia.

    • Buona sera,
      Tutto bene, ma dove posso trovare piccole quantità di scaglie di salcam a Bucarest?
      Potrei anche utilizzare alcuni scarti di pavimentazione o simili, almeno dei manici di coltello da realizzare.
      Grazie

  • Articolo interessante, grazie. Grazie anche a coloro che lasciano commenti con ulteriori consigli e idee. Auguro a tutti voi buona salute.

  • Molto interessanti tutti gli articoli pubblicati ! Si "vede" l'amore per il legno trasformato in discussioni ! Complimenti ! Anche se non sono un falegname, ogni volta che torno a casa mi piace masticare qualcosa perché mi piace ! Il legno ha qualcosa di speciale... non si può paragonare a nient'altro! Il legno ha una nobiltà speciale, più vicina all'anima umana, indipendentemente dalla specie, indipendentemente dall'età.
    E un'altra cosa! Non credo che esista un "legno cattivo"! Esistono solo persone con idee e amore per le cose belle e durature!
    Ancora una volta, stima e considerazione!

  • Complimenti e grazie per questo articolo della signora Mihaela, un articolo che mette in evidenza il valore del legno di acacia. Oltre alle cose preziose che ha menzionato, se posso, vorrei solo menzionare altri due punti:
    - sfrutta con successo i terreni poco produttivi;
    - è l'albero che produce più miele in Romania

  • Il legno di acacia ben essiccato viene utilizzato anche per la costruzione di flauti, in quanto il legno di acacia offre uno dei timbri musicali più gradevoli.

    • Ciao!
      L'acacia è un legno pesante e una porta in acacia sarebbe molto pesante. Può essere utilizzato, ma con attenzione. Quando è laminato è molto stabile e non ci sono problemi con le variazioni di umidità. Il cartamo laminato viene utilizzato per realizzare finestre con doppi vetri.
      Il pavimento in legno di acacia laminato è una delle scelte di pavimentazione più sicure.
      Pur essendo un legno molto duro e ricco di tannini, il salame non presenta grossi problemi di tensione nella venatura, torsione o altre deformazioni. I problemi si presentano durante la lavorazione (è duro e può "scheggiare" gli utensili) e la finitura (i tannini cambiano i colori e riducono l'adesione della vernice).
      Tutto il meglio!

      Non dimenticate di abbonarvi alla rivista cartacea Wood Magazine! Per soli 58 lei/anno potrete conoscere le novità del settore, scoprire idee artigianali o segreti del mestiere. Vi ricordiamo che il contenuto della rivista cartacea è diverso da quello del sito web. I dettagli sono riportati nel link sottostante.
      Grazie!
      https://revistadinlemn.ro/product/abonament-revista-din-lemn/

  • Ciao, so che non si tratta di questa applicazione, l'argomento. Ma voglio acquistare libri sul legno e la sua lavorazione, potete aiutarmi. Grazie in anticipo

  • Sono 4 giorni che cerco di trovare dei pannelli di legno di acacia a doghe continue per i mobili della cucina. Nessuna possibilità.
    Sembra che per quanto sia popolare, sia raro trovarlo elaborato - la battuta...

    In Germania si usa più spesso, da noi... pal domle pal, non c'è richiesta di legno locale.

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItaliano