Specie legnose

Legno di mela cotogna - fine e profumato

Sono finito a cercare informazioni sul legno di mela cotogna in seguito alla domanda di un lettore che ha come hobby la fabbricazione di pipe. Mi ha detto che usa ciliegianoce, quercia o prugnae per il bocchino, dud o di rosa. Mi chiedevo se potesse usare rametti di fico o di mela cotogna essiccati per il bocchino. Temeva che in presenza di fumo di tabacco caldo potessero diventare tossici. Circa legno di fico Sapevo che conteneva lattice che causava irritazioni cutanee. Ecco perché il legno deve essere accuratamente asciugato prima dell'uso. Ma non sapevo perché il legno di cotogno fosse pericoloso. È così che ho iniziato la mia ricerca di informazioni su un legno di cui si è scritto pochissimo, ma che ha molte leggende sul frutto giallo che profumava la casa dei miei nonni.

legno di cotogno

Il legno di cotogno è tossico o meno

Non ho trovato fonti che dicano che il legno di cotogno sia tossico. Tuttavia, ho trovato informazioni sul suo utilizzo come legna da ardere o per affumicare pollo, maiale, manzo e pesce. Un forum di amanti degli animali lo indica come una specie sicura. Ad esempio, gli esperti del forum raccomandano di utilizzare i rametti di cotogno, dopo averli lavati per rimuovere la sporcizia, per costruire un nido per i pappagalli.

Gli unici riferimenti alla tossicità si riferiscono ai semi di cotogno che contengono sostanze tossiche chiamate nitrili. Queste, sotto l'azione degli enzimi presenti nello stomaco, vengono convertite in acido cianidrico (acido prussico), un gas altamente tossico dall'odore di mandorla amara. Sebbene questo sembri molto pericoloso, non lo è, in quanto le stesse sostanze si trovano anche in mela e capelli, alberi da frutto della famiglia Rosaceae, di cui fa parte la mela cotogna. I semi sono pericolosi solo se mangiati in quantità molto, molto elevate.

Il frutto del peccato, simbolo dell'amore, rafforzatore del potere

A proposito di mele cotogne (Cydonia oblonga) ci sono molti miti, simboli e leggende. Molte provengono dalla Grecia, dove la mela cotogna è coltivata sull'isola di Creta fin dall'antichità. Il nome latino deriva infatti da un villaggio di Creta, Kidonia. Nell'antichità la mela cotogna simboleggiava amore, gioia, protezione, matrimonio, felicità e fertilità. Afrodite, la dea della bellezza e dell'amore, teneva spesso in mano una mela cotogna come simbolo di amore e fertilità. I giovani greci erano soliti regalare mele cotogne agli ospiti quando si sposavano e la sposa le mordeva per profumare il suo bacio.

La mitologia ebraica sostiene che il serpente non tentò Eva con una mela, ma con una mela cotogna. La confusione nasce dal fatto che la mela cotogna viene chiamata la mela d'oro, nella Bibbia. Alcune fonti sostengono che all'epoca il melo non era ancora stato acclimatato nell'area, per cui non poteva che essere una mela cotogna, originaria della regione. Nella fede musulmana, si dice che il profeta Maometto abbia esortato i suoi seguaci a mangiare mele cotogne perché addolcire il cuore. Ha anche affermato che Allah non ha inviato alcun profeta come suo messaggero prima di averlo nutrito con Paradiso Gutuiaper aumentare la sua potenza.

Anche i Romani consideravano la mela cotogna un simbolo dell'amore e Plinio il Vecchio, nei suoi scritti, elogiava le proprietà medicinali delle foglie e dei frutti di mela cotogna. Dall'epoca romana esistono anche scritti con ricette di mele cotogne con miele e altre prelibatezze.

Un albero da frutta che può dare frutti duri e profumati per 25 anni

Gutuiul - quindici (Inglese), mela cotogna (Italiano), cognossier (Francese), anche (tedesco) - proviene dall'Asia occidentale. L'area di origine è quella del Caucaso - Armenia, Azerbaigian, Iran, Russia sud-occidentale, Turkmenistan. Ha una lunga storia di coltivazione, essendo citata nei documenti da più di 4000 anni. In Mesopotamia, l'attuale Iraq, il cotogno era coltivato molto prima della mela. Da queste zone si è diffusa in Europa e poi in tutto il mondo. È imparentata con la mela cotogna cinese (Pseudosydonia sinensis), ma si tratta di generi diversi.

È un albero da frutto che preferisce il sole e i terreni fertili e ben drenati e si riprende. Vive bene nell'intervallo di temperatura 10-30°C, e per fiorire la temperatura non deve essere inferiore a 7°C. La fioritura avviene a maggio, dopo la maturazione. Cresce lentamente, fruttifica per 25 anni e vive per circa 50 anni. Si propaga principalmente per innesto, molto raramente da seme.

Il ginepro cresce fino a 4-6 m di altezza, ma può arrivare fino a 8 m di altezza. Dalla base si sviluppano diversi fusti e solo uno deve essere lasciato per fruttificare bene. Il tronco non è molto spesso e la corteccia è grigio-verdastra, liscia e sensibile, e può essere facilmente ferita. La chioma è piuttosto ricca e irregolare, con rami che possono crescere contorti e foglie ovali larghe e semplici con la superficie ricoperta di peli sottili. I fiori sono bianchi o rosa, solitari, con 5 petali. Il frutto, il cotogno, è giallo a maturità e ricoperto di peli sottili. È ovale-rotondo, duro, astringente e molto aromatico. Ha un alto contenuto di pectina, motivo per cui è facile preparare marmellate e confetture che gelificano rapidamente.

Il legno - caratteristiche, proprietà

Nella sezione trasversale del tronco del cotogno si può notare la differenza tra alburno e durame. L'alburno è di colore giallo pallido o bianco. Il durame presenta una ricca gamma di colori, dal giallo chiaro al marrone rossastro intenso. Gli anelli annuali sono poco evidenti ma distinti e ravvicinati a causa della crescita lenta.

La consistenza è liscia, simile a legno di capelligeneralmente dritti, con discreta lucentezza. I rami contorti mostrano disegni distintivi creati dalla ricchezza di colore. I pori sono piccoli e distribuiti uniformemente su tutto l'anello annuale. Gli ampi raggi midollari possono formare disegni simili a quelli degli aceri.

Il legno di cotogno impiega molto tempo ad asciugarsi e può presentare crepe e deformazioni. Il legno è duro, forte e solido, ma morbido e facile da lavorare. Può essere intagliato e tornito. Si oliano, si incerano e si verniciano facilmente e i risultati sono spettacolari. Si incolla senza problemi.

legno di cotogno

Ottimo per i manici dei coltelli, ma anche per l'affumicatura della carne.

Per la sua consistenza fine e i suoi colori caldi, il legno di cotogno è stato utilizzato per secoli per realizzare intarsi per mobili, prodotti artistici e artigianali, manici di coltelli, oggetti domestici e decorativi. Oggi viene utilizzato dagli appassionati per realizzare manici di coltelli o cucchiai da collezione. Si tratta però di un legno molto difficile da trovare e quindi piuttosto costoso. La versione cinese, più facilmente reperibile, viene utilizzata per realizzare piatti, strumenti musicali e cornici.

Il legno di cotogno può essere utilizzato anche come legna da ardere. Ha un alto potere calorifico, superiore a quello dell'abete rosso, del pino o della cenere verde. Ma deve essere preventivamente essiccata con cura perché altrimenti emette fumo e scintille. Se ben essiccato, brucia a lungo. La sua durezza diventa sempre maggiore con l'essiccazione, quindi è consigliabile spaccarlo non appena viene tagliato (tronco o rami). Quando brucia, emette un odore gradevole, come qualsiasi albero da frutto.

Può essere utilizzato anche a cibo per fumatori. Quando è secca non fa molto fumo, quindi può essere utilizzata senza problemi anche in ambienti chiusi. Il fumo ha una fragranza leggermente dolce, fruttata e speziata. L'aroma che emana è delicato e si abbina meglio a ingredienti dal sapore delicato. È ideale per affumicare cibi come pollo, maiale, manzo o pesce.

Come ogni albero da frutto, il cotogno è importante per i suoi frutti, non per il suo legno. La mela cotogna viene utilizzata per marmellate e confetture, ma anche per cucinare. La salsa di mele cotogne si sposa bene con l'arrosto autunnale di maiale o di anatra, mentre le fette di mela cotogna cotte si sposano meravigliosamente con l'oca arrosto. La zucca è anche usata in erboristeria come buon rimedio per la nausea nelle prime fasi della gravidanza o per curare i disturbi digestivi.

Spero che queste informazioni vi siano utili. Come sempre, le aggiunte sono benvenute. E se avete domande o dubbi, lasciateli nello spazio sottostante. Sono sicuro che vi risponderò.

Volete conoscere il legno di una specie specifica? Ricerca quiè possibile trovarli!

Mihaela Radu

Mihaela Radu è un ingegnere chimico ma ha una passione per il legno. Lavora nel settore da più di 20 anni e la finitura del legno è ciò che l'ha definita in questo periodo. Ha acquisito esperienza lavorando in un istituto di ricerca, nella propria azienda e in una multinazionale. Vuole condividere continuamente la sua esperienza con chi ha la stessa passione, e non solo.

Aggiungi commento

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Iscriviti alla newsletter

it_ITItalian